Japan’s Dilemmas and the Future of the US-Japan Alliance

by Alessandro Calabrese

The main purpose of this short article is to describe the peculiar Japanese political situation, stressing its relations with the U.S., one of the most important consequences of the Second World War.

After WWII Japan’s international relations have been characterized by American military support, by the development of aids and economic investments in the Southeastern Asia (DBS, 2018), and by the attempt to improve strong ties with countries who are net exporters of energy. However, its foreign policy has always played a difficult role because of the many issues that they have had to face in the international scenario. The attempt to pursue stability is surely the main reason that has pushed Japan in the area of influence of the U.S., not only in the military sector, given the fact that the Americans have been the first net importers of Japanese products since 1945.

An element of continuity in Japanese foreign affairs has been its continuity to achieve energetic independence. Explicative of this was the first energetic crisis in 1972, when the country headed by Tanaka declared, in the case of the failure of the UN resolution n.242 (unfair Israeli acquisition of territories after the Six-Day War) that they would have changed their diplomatic relations towards Israel (Caroli, 2004).

It was a clear signal to OPEC countries. The same attitude was undertaken during the second energetic crisis and the Gulf war, when Japan’s diplomacy mainly aimed to maintain positive relations with Arabs countries. A clear effect of Japan’s lack of primary energy sources, considering the fact that Japan is the third industrial power in the world.

But this is probably the only international issue that has been solved in the past decades.

The literature can list numerous complex challenges: from the recognition of Taiwan and its relations with China, to the disputes with Russia and China over Sakhalin and Senkoku, to the not fully embracement of WWII crimes, which makes hard to establish good relations with potential Asian partners, and finally the north Korean menace (from the nuclear threat to the kidnapping of Japanese citizens by North Korean authorities).

We can as well list many internal crises: the “baburu ekonomi” (economic bubbles) of the ‘90s and the advancement of the Chinese economy, which has replaced Japan as the world’s second strongest economy; the terrible Fukushima disaster which caused more than 18.000 victims (2011 Tohoku earthquake was magnitude 9.0, 2009 L’Aquila earthquake was “only” magnitude 6. Being the Richter scale a logarithm you must consider the exponential growth to fully understand the range of destruction).

Instead of dividing, these events have led to a strong cooperation between the different political forces to drive economic and social changes, even if Japan has been characterized by high levels of abstentionism mainly due to that feeling of social anxiety that permeated Japan’s young generations (59% of the population voted in 2012 elections) (Fabbri, 2018).

The list of internal problems has not yet ended: the unemployment rate has been rising in the past years, the general aging of Japanese people (the highest level of seniors in the world), the high rate of suicide in younger generation (suicide is the first cause of death between the age of 15 and 39) and the role of women in a society that is still not strong (Womenomics was promoted by Abe, but it did not have the expected results. Japan still has one of the lowest level of participation of women in the economic sector) (Fabbri,2018).

Despite everything, Japan is a regional power because of the fact that it is both an economic and military power (Orchard,2018).

This has been surely supported by the strong cultural mindset of Japanese. It has helped them to face many challenges during the country’s history: TATEMAE (facade, built in front) towards the AOI-ME (blue eyed, word used to describe the westerns) but also a deep knowledge of HON’NE (true sound) to preserve WA (harmony). The centrality of the animist religion of Shintoism has surely given strength to Japanese people throughout the centuries (Caracciolo,2018), (Puorto,2018).

It has been wonderfully depicted in Lucio Caracciolo’s article “The sun will rise again” in the extract taken from an interview with the famous writer Yukio Mishima: “Here the invisible is only Japanese”. As the abstract by the anthropologist Umesao Tadao: “Japan, from a communicative point of view, is a black hole: it gets all the signals from outside and emits none”.

In addition to this, a strong Japanese communitarianism, ingrained in its own culture, has given strength to a population that may appear so fragile from the outside (Caracciolo,2018).

The ability to take strength from its own is an element that shall must be considered to fully understand Japan.

Another element of strength is the so called developmental State. This theory was described back in the 80’s by Chalmers Johnson’s analysis of Japan post war industrialization:  the Japanese miracle was based on the direct action of the state into economy, threw an independent bureaucratic planning headed to the stimulation of the private sector, especially in R&S R&D (Mazzucato, 2013).

Going back to politics, Japan’s strong man is doubtlessly Abe Shinzo, the present prime minister. He has already covered this role back in 2006, but his adventure lasted only one year.

Reelected in 2012, he has a stable control over Japan political scene, surviving to a scandal in the last months that have paradoxically strengthened his political leadership. Some of his main political battles were the introduction of the so called “Abeconomics” adopted in 2013 to stimulate Japan’s economy. It is based on an aggressive monetary policy, flexible fiscal policy, the low interest rates of Japan’s central bank, and a growth of strategic investments in many Asian countries.

The revision of n.9 constitutional article was also a main issue. The above mentioned limited Japanese military capacity since the 1952 treaty of mutual cooperation and security between U.S. and Japan (to impose this limitation, U.S. linked his military forces to Japan’s territorial defense: American soldiers in Japan are the most numerous in the world, followed by Germany and Italy). Abe has partially been able to improve Japan’s military capacity, and this made him very popular, especially in the right wing (Caroli, 2004).

Abe’s Liberal Party (LDP) has had the majority since 2012 and he will try to achieve his third mandate in a row in 2021. He is the strong man, and if he is going to be able to manage Japan’s future challenges, he will lead the Japanese transition to a new world both internally as well as externally. He will be probably remembered as one of the most stable democratic leaders in this times of uncertainty.

Let’s focus on the main challenge of international politics that Japan has to face: the regional one,  coming from the North Korean Peninsula and from China and the alliance with the U.S. after Trump’s elections. They are two faces of the same medallion: the world hegemony.

Both in the so called “Huntingtonian world” that sees a multipolar world division or in more neoliberal world where the soft power is a central tool to impose national priorities, Japan and America’s world views are similar, for example in Japan’s regional plan of a free and competitive Indo-Pacific, but if the relations with the U.S. were good during the Obama presidency (they faced together North Korean, as well as China imperialism) the same cannot be said after Trump’s election.

Trump’s first move towards Japan was to declare their economic behavior unfair, comparing Japan to China and Mexico in a tweet. After that, he decided to leave the TPP commercial agreement in 2017, one of the first official acts of Trump’s presidency.

This had a huge impact on Japanese’s public opinion, but it was not enough to start a process of anti-Trump protest as in Europe (Chicago Council of Foreign Affairs, 2017).

In such a changed situation, it is normal and wise to think about the potential options to react.

For Japan they would be (Chicago Council of Foreign Affairs, 2017):

Constitutional reforms and the reconstruction of the army to flank one of the most equipped naval fleets in the world. It would have a huge effect, both at a national and supranational level. This option is achievable, but at what cost, and what effects would it produce on the international scenario. Is Japan strong enough, both militarily and economically, to face China and North Korea on its own?

The second option would be to fully embrace Chinese hegemony. An option which is not realistic for the different social views: one is a liberal democracy, and the other a communist dictatorship. It would be too much to bear even for Japan.

The third option would be to rely on supranational organizations, such us the United Nations. But who has the power to veto in the UN? Relying only on a supranational organization would not be a wise move.

The only realistic option for Japan is the United States, and the Japanese’s elites knows it.

Let’s analyze this aspect more in depth: back in 2009 Yukio Hatoyama, Japan’s prime minister, in a joint press conference with president Barack Obama, declared that Japan wanted an equal partnership with the U.S., announcing a series of initiatives such as: a deep investigation of the transit of nuclear weapons through the Japanese territory, revising the SOFA (Status of Forces Agreement) and the payment for the cost of U.S. troops in Japan (Inoguchi, 2011).

However even after this joint declaration, with a left wing prime minister (Hatoyama was a member of the DPJ, which interrupted a real hegemony of the LDP right wing pro American period), Japan under the Hatoyama government continued to emphasize the U.S-Japan alliance as the most important bilateral relationship, while keeping in place the participation with the United States in overseas areas such as the Sea of Aden and Nepal (Inoguchi, 2011).

This is a clear signal of Japan’s dependency on American support: the alliance is first bilateral and secondarily global. China’s rise and Korea’s menace had pushed towards bilateralism. The U.S. wanted to maintain a global hegemony and Japan to be a regional power. A controversial point is the one related to the prohibition of deploying military troops abroad, which make the two protagonists even more dependent. It is clear that if Japan is not going to be militarily dependent in the next years, the U.S. has to deploy a huge military effort on the island (an example of that is Futenma base in Okinawa, hosting more the 100.000 American soldiers). Is America still willing to do so?

On the other hand the result of the Japanese economic diplomacy, the only possible for the military restrictions, pursued through the years, has seen Japanese investors as main protagonists in the Southeast Asia. Japan’s strategic role has become central. Thus another, but similar question: is America ready to leave behind the most important ally in the Asian peninsula?

In conclusion, America has been bounded to Japan since 1960 by the Treaty of mutual cooperation. Pacta sunt servanda, in the case of external attack on Japan, Americans must support their allies.

This has made the Japan-U.S. block the strongest pawn in the regional scenario of Southeastern Asia, notwithstanding Trump’s tweet, Kim’s rockets launch and China’s aggressive behavior.

 

References:

L. Caracciolo, “Il sole sorgerà” in Limes “La Rivoluzione giapponese”, pp.7-30

BUSINESS INSIDER: http://www.businessinsider.com/us-military-personnel-deployments-by-country-2017-3?IR=T

R. Caroli, F. Gatti, “Storia del Giappone”, pp.232-266

DBS Group Research, Japan: rising direct investments in the southeast Asia (https://www.dbs.com/aics/home.page)

D. Fabbri, “L’importanza di essere Giappone” in Limes “La Rivoluzione giapponese”, pp.33-46

D. Fabbri, “Stati Uniti e Giappone, destini intrecciati” in Limes “La Rivoluzione giapponese”, pp.157-172

T. Inoguchi, G.J. Ikenberry, Y. Sato, “The U.S.-Japan security Alliance”, pp.1-53.

M. Mazzucato, “Lo stato innovatore”, pp. 45-80.

P. Orchard, “ Il Giappone dovrà tornare a dominare l’Asia” in Limes “La rivoluzione giapponese”, pp.151-156

N. Puorto, “Abe punta al cielo, con l’aiuto della lobby scintoista” in Limes “La rivoluzione giapponese”, pp.79-82

Japanese Time- https://www.japantimes.co.jp/life/2017/10/30/language/lets-discuss-donald-trumps-popularity-japan/#.WrOTQyOh1-U)

Japan government project: https://www.japan.go.jp/abenomics/about/)

Video Conference Chicago Council Global Affairs:

https://www.youtube.com/watch?v=t1ydSzXSRN0&t=983s)

No Madman: North Korean Strategic Dilemma And Obstacles To Address It

by Luca Papini 

 

Introduction

Immediately before and during the winter Olympic Games just concluded, a lot has been said by newspapers, spokesmen and scholars about the importance of the agreement reached by North and South Korea that tied their respective delegations to march together at the opening ceremony held in Pyeongchang (평창유감), South Korea. Much of what has been said focused on the possibility given by this occasion for strengthening bilateral relations between the two countries in order to, eventually, solve the decennial-long nuclear crisis.

The handshake shared by the South Korean President, Moon Jae-in, at the start of the Olympics with Kim Yo-jong, younger sister of North Korean leader Kim Jong-un, represents the first visit of a member of the North Korea’s ruling dynasty since the informal end of the Korean War in 1953. Even though there is no doubt about the so far uniqueness of the event, it is important to contextualise it into the general framework of North Korea’s nuclear strategic dilemma before we define it as a milestone for the improvement of North-South relations.

This short paper aims to both rationalize the expectations about a near future solution of the nuclear crisis through the description of the situation and, at the same time, attempt to explain why at the present time the US and the world will need to accept a nuclear North Korea for now.

The reasons behind the importance of a nuclear arsenal in North Korea

First of all it is fundamental to keep in mind the narrative going on inside North Korea about belonging to the restricted club of countries in possess of nuclear capabilities. Kim dynasty’s fleece to develop nuclear weapons starts way before Kim Jong-un’s rise to power: it was initially conceived during mid 60s and acquired military dimension during the 80s under the dictatorship of Kim Il-sung, grandfather of the current leader. Arguably this is the only visible success of Kim’s dynasty, therefore if we consider this together with the role played inside the country by the cult of personality of the whole Kim family we can have a partial picture of why giving up nuclear weapons would probably mean implosion of Kim’s regime. Basically the stress applied to the success of the nuclear weapons program is a way for the ruling class to keep their people from revolting, showing the great achievements of the Democratic People’s Republic of Korea (DPRK) and, at the same time, justify the extremely expensive means necessary to get them, both in economic and social terms, for what it can be, by all account called, a failed state.[i]

Into the international scenario though, the possess of nuclear weapons has a complete different meaning. Despite the small amount of actually usable warheads compared to US, Russia or China,[ii] the arsenal in DPRK’s hands is enough to play the game of deterrence. As Andrei Lankov pointed out, after the invasion by the US of several Middle-East countries during the 90s and the early 2000s, the fear of a foreign attack can be hardly dismissed as paranoid or unfounded.[iii] Moreover nuclear warheads play a fundamental role as a bargaining tool over the international community. Considering the amount of imported resources and food from which DPRK depends on for its own survival (over 90% of the total country consumption) it clearly shows they need aid just to keep the system functioning, and they understand that the world needs a sustainable and compelling reason to provide them with such aid. In other words, North Korea fears that giving up its nuclear capabilities would lead to an international community unwilling to satisfy their demands.

“Without nukes, North Korea would become just another impoverished country which must compete for donor attention with such places as the Sudan or Zimbabwe. Even though some aid would probably come its way, it would be on a smaller scale than is currently being received.”[iv]

Possibilities to tackle the DPRK nuclear issue

Considering the deep rooted reasons for North Korea to develop and maintain even just a small amounts of nuclear devices, how can the international community achieve DPRK denuclearisation and the end of the related three decades crisis? Several options have been taken into consideration. All of them face some serious problems in the moment we consider the main geopolitical actor of the area: China.  To start with, China’s role in the Asia Pacific area leads to a very different set of geopolitical priorities for the PRC, on top of this list, China values much more the maintaining of the status quo on the peninsula and the survival of Kim’s regime over denuclearisation. The reason behind this lies on China’s hegemonic affirmation in the area in opposition to the US interference. It is easily understandable why this situation jeopardizes at once the chances to either solve the crisis through military means or by isolation and sanctions. The ladder would just not undermine DPRK deeply enough without China’s full support (China accounts for 90% of DPRK trades), as it has been proven by the sanctions entered into force in August 2017, while, on the other hand, the military means would just be voted out at the UN Security Council level.[v]

Even without considering the legal and diplomatic repercussions of an unilateral military action by the US, such possibility should appear clearly not suitable. First of all South Korea would very much likely not endorse nor enter the conflict in any form, preferring to risk an extremely unlikely nuclear strike by North Korea instead of an open war, with all the consequences, 40 kilometres from its capital. Secondly, a massive ground invasion would probably result in a victory of the US and its allies but the costs of such expedition would be prohibitive, and we cannot even rule out the possibility that in this extreme scenario, in order to protect their interests and avoid the rising of a united Korea close to the US, China and possibly Russia would somehow enter the conflict alongside North Koreans, complicating the situation even more.[vi]

Other possibilities, such as the transformation of the relationship between DPRK and US would very much likely create a dangerous precedent. In other words, concessions from the US would be a necessary starting point, and would inevitably pass through at least the informal recognition of North Korea as a nuclear weapon state in order to put a cap on DPRK’s arsenal and limit its development. Going down this road would probably “represent a humiliating defeat of the superpower United States at the hands of a fundamentally weak, ‘rogue’ state[vii]. Therefore creating an as important as dangerous precedent likely to be followed by others, such as Iran, Israel and Pakistan.

Conclusions

Despite the shortness of the description presented so far, it is easily understandable the infinite number of consequences which can arise no matter what strategy would be chosen to address the North Korean nuclear crisis. Without China’s full commitment to the cause, each strategy is doomed to have collateral effects with the potential to jeopardize the entire balance of powers both in the area and the world. Even though Trump’s new strategy of ‘maximum pressure’ – better yet, coercive diplomacy –[viii] appears to have brought some results[ix], in terms of forcing Kim Jong-un to the negotiation table, it is important to keep in mind the hedging  strategy played both by North Korea and China towards the US.  The Korean supreme leader, contrary to most of the narrative both in the US and Europe – even coming from Trump himself [x]-, is no madman and, as his predecessors during the Cold War, Kim has been able to put himself in the middle of two superpowers, beneficiating from both. This does not mean a deal would be completely impossible to negotiate, it means that unrealistic expectations about the full abandon and denuclearization of North Korea should be left out, in favour of a more realistic, down to earth step-by-step approach, where, in order to obtain some more serious results, China’s sustain is fundamental.

 

References:

[i] Chung-in Moon, Managing the North Korean Nuclear Quagmire: Capability, Impacts and Prospects.

[ii] SIPRI 2015 Yearbook: https://www.sipri.org/yearbook/2015/11

[iii] Andrei Lankov, Why the United States will have to accept a nuclear North Korea, 2009, Korean Journal of Defense Analysis, Kookmin University, Seoul, Republic of Korea pp. 254-256

[iv] Idem, p. 258

[v] Denny Roy, Preparing for a North Korea Nuclear Missile, 2016, Surivival pp. 131-154.

[vi]  Andrei Lankov, Why the United States will have to accept a nuclear North Korea, 2009, p. 257

[vii] Denny Roy, 2016 pp.138-142

[viii] Charles Knight, Reality Check on North Korea, Feb. 20, 2018, U.S.NEWS: https://www.usnews.com/opinion/world-report/articles/2018-02-20/donald-trump-must-concede-to-reality-to-stop-march-to-war-with-north-korea

[ix] The Guardian, 03 March 2018 https://www.theguardian.com/world/2018/mar/08/donald-trump-north-korea-kim-jong-un-meeting-may-letter-invite-talks-nuclear-weapons

[x] MSNBC, 27 Sep. 2017 https://www.youtube.com/watch?v=rC1nqDOgg2c

The Beijing Consensus and the Chinese approach for development

by Veronica Moldovanu

 

To secure ourselves against defeat lies in our own hands, but the opportunity of defeating the enemy is provided by the enemy himself. (Sun Tzu, Chapter 4)  

The famous “The Art of War” needs no presentation, it has been influencing for centuries, but can we say that the thousands of years old Confucian wisdom is still present in the nowadays Communist China’s strategy? Can we think that the new, ever-growing influence China is having on different countries is its way of “defeating” the hegemonic position the US has had for decades, and that the US is giving it this opportunity by imposing the “one-size fits all” approach of the Washington Consensus? “China is the greatest asymmetric superpower the world has ever seen, a nation that relies less on traditional tools of power projection than any in history and leads instead by the electric power of its example and the bluff impact of size.” (Ramo, 2004) But what is even more relevant is that China’s new ideas are having a gigantic effect outside of the Chinese borders. As Ramo states: “China is marking a path for other nations around the world who are trying to figure out not simply how to develop their countries, but also how to fit into the international order in a way that allows them to be truly independent, to protect their way of life and political choices in a world with a single massively powerful centre of gravity”. This new physics of power and development was defined in 2004 by Joshua Cooper Ramo, a policy analyst based in Britain, the Beijing Consensus, and it is often seen as in opposition to the Washington Consensus. The Beijing Consensus is increasingly viewed by developing countries as an attractive alternative to western development strategies based on free market and democracy (WFF, 2011)

What is important to note here is that there is no agreement on its existence, content or utility. Nonetheless, the term is extensively used among policy makers and in the media, contributing to the widespread perception that “the Beijing Consensus is changing the international order” (WFF, 2011)

 

Source: Peter Schran

 

The idea of the Beijing Consensus is based on three macro ideas that I will briefly present here. First of all, it refers to China’s strategy on using innovation as a driver for development. Secondly, China is improving its economy not to merely increase the national GDP. Instead, it aims to an improvement of the quality of life. The last point regards the auto-determination and the need for a continuous independence from outside influence, in opposition to the Washington Consensus legacy – a liberation of the developing countries from the US (World Foresight Forum, 2011).

China’s strength is that it is gaining power thanks to the example it gives, and not because of weaponry and military force. The greater Chinese aim is to “build a global network of friendly nations that will not challenge the West militarily or economically, but conceptually and politically.” (The Telegraph, 2010) We should also keep in mind that the Chinese not only complete major projects on time and on budget but are perfectly happy to be a “sugar daddy for human rights abusers”, how they are depicted in Halper’s (an official in various Republican administrations) typically succinct phrase. Caring little about good governance, they don’t lecture their partners (The Telegraph, 2010) At the same time is a matter of time. Getting funds from the Chinese is far more easy and faster than from the Western institutions as the World Bank. As Senegal’s president Wage stated in 2007: “Western institutions and investors were often “slow… patronising and post-colonial” in their dealings with Africans”. An infrastructure contract that would take five years to negotiate with the World Bank would take three months with the Chinese (The Telegraph, 2010)

As I said before, there is an ongoing debate among scholars and policy-makers on whether the term Beijing Consensus exists and if it is appropriate to use it. Even the Chinese leaders avoid using the term “Chinese model” and instead prefer to say the “Chinese case”. Maybe because they are strongly aware of the US’s sensitivity to any idea suggesting the emergence of a rival power and ideology—and “conflict with America could wreck China’s economic growth” (The Economist, 2010). Mr. Halper, argues that “just as globalisation is shrinking the world, China is shrinking the West by quietly limiting the projection of its values” (The Economist, 2010). In the end, the political bargain kept by China’s ever-expanding list of international allies is to support its policy on Taiwan and Tibet and ignore outcries over human rights. These are small prices to pay for gaining new power stations (The Telegraph, 2010). Beijing does not want a confrontation with Washington and Brussels but a “path around the West” to create a new international bloc. The Chinese Communist Party has shown “marginal, rogue and autocratic states” that “state-directed capitalism” can work (The Telegraph, 2010).

Intuitively enough, there are some questions that emerge in our mind. Is the Beijing approach counter-balancing the Washington one? Are there any chances that the PRC can take over the US in terms of influence? How does it really influence the developing countries, specifically the African ones? And at the end of the day, can the Chinese approach really have a positive impact on the African countries’ people, as the second point of the Beijing Consensus concept affirms?

While the mainstream discourse is criticizing the dominant Western states’ approach, modern China’s expansion into Africa over the course of the last two decades – its burgeoning economic and political ties – has led to similar accusations of a “fresh neo-colonialism disguised as South-South development” (Servant, 2005). There is a difference though: whereas Western partnership is often based on the misperception of Africa as a continent irrevocably poor and allergic to development, the Chinese benchmark looks on an Africa which, though “facing challenges,” is nevertheless bestowed with “unprecedented opportunities for development”  (ISS Report 2012).

There are Chinese scholars that are strongly criticizing their government’s implication with the developing countries. Even if the African countries are happy with the Chinese investments, some officials are still showing signs of concern and caution.

Indeed, in 2006 even the largely supportive South African President Thabo Mbeki made the point of welcoming closer Sino-African relations whilst nonetheless bearing in mind that a partnership based mainly on the exportation of raw materials and importation of manufactured goods risked only replicating a “colonial relationship” that would see Africa “condemned to underdevelopment” (BBC News, 2006).

 

References:

 

Adisu K., Sharkley T., Okoroafo S., 2010, The Impact of Chinese Investment in Africa, https://pdfs.semanticscholar.org/46d5/da638000dc01c1b5fb7121435e062d051c71.pdf, November 10th, 2017.

BBC, 2006, Mbeki warns on China-Africa ties, http://news.bbc.co.uk/2/hi/business/6178897.stm, November 10th, 2017,

Cooper Ramo J., 2004, The Beijing Consensus, http://www.xuanju.org/uploadfile/200909/20090918021638239.pdf, November 11th, 2017.

Eno A., et al, 2014, China-Africa Relations: How Tight Are the ‘Strings’ Attached?, http://www.academia.edu/8573047/China-Africa_Relations_How_Tight_Are_the_Strings_Attached, November 9th, 2017,

Qasem I, et al., 2011, The Beijing Consensus: An alternative approach to development, https://hcss.nl/sites/default/files/files/reports/WFF02_Issue_Brief_The_Beijing_Consensus02.pdf, November 10th, 2017,

Spilius A., 2010, The Beijing Consensus: How China’s Authoritarian Model Will Dominate the 21st Century by Stefan Halper,
http://www.telegraph.co.uk/culture/books/bookreviews/7719628/The-Beijing-Consensus-How-Chinas-Authoritarian-Model-Will-Dominate-the-21st-Century-by-Stefan-Halper.html, November 10th, 2017,

Sun Tzu, The art of war,

The Economist, 2010, The Beijing consensus is to keep quiet,
http://www.economist.com/node/16059990, November 14th, 2017,

Willis B, 2014, China, Africa, and Neo-Colonialism, http://www.e-ir.info/2014/01/22/china-africa-and-neo-colonialism/, November 12th, 2017.

 

The Chinese Penetration in the African Continent: the Issue of Land-Grabbing

by Lucrezia Conti 

China has a population of more than 1,3 billion[1] and a density of 146 people per square kilometer[2]; it owns only 8% of global farmland, 6% of annual water reserves[3] and it is highly dependent on energy imports both of oil and natural gas. The urgency of finding solutions to agricultural and energy security is evident and it has been worsened by the 2008 financial crisis, with a suddenly increase of prices and domestic demand for agricultural commodities. These reasons have pushed China to search for new lands and opportunities in foreign resource-rich countries and Africa has been identified as the most profitable and convenient one. By the way, this relationship is not as recent as one may believe, in fact Sino-African relations can be first dated in the 1950s-1960s. This first Chinese approach was put in practice for political purposes, in order to find allies in Third World’s countries and to come out from its political isolation, supporting African national liberation movements and the emerging socialist governments.[4] In the 1970s economic agreements were stipulated and after a consecutive slowdown, in October 2000 China and Africa launched the first Forum for China-Africa Cooperation, carried out in Beijing.[5] The aim of this forum was to define common political objectives, development purposes and to strengthen trade relations and investments.[6]In this perspective, China eliminated 31 African countries’ debts, for a total amount of $1,3 billion and abolished import taxes of 190 items.[7] Thanks to these actions, China has become the second world commercial partner of African countries, increasing its commercial exchanges from $20 billion in 2003 up to more than $200 billion in 2014, with an annual growth rate of 16%.[8] The achievement of these results is also linked to a particular way through which China conducts its foreign investments policy: the so-called “Beijing consensus”, in contrast with the Western countries “Washington consensus”. The Beijing consensus is essentially based on a policy of non-interference in African countries internal affairs and on the promotion of the sovereign integrity of these states, while the Washington one, is based on the priorities of the World Bank and International Monetary Fund, and it imposes restrictions in terms of public spending, commitment on transparency and macro-economic policy making.[9] Moreover, China offers long-term investments that are really flexible and accommodating to African countries requests, without provisions and conditions. The only restriction imposed by China is the non-recognition of Taiwan.[10] It is easy to understand why African states prefer to marry the Chinese alternative.

Having a precise evaluation of Chinese investments in African lands is generally difficult. The Chinese government does not publish data of sector-based investments, it uses different terminology to classify them and the few published are not completely reliable. Furthermore, there are contradictions between investment flows and the amount of goods and services that contribute to the formation of capital stock[11], causing a lack of transparency that may create doubts on the way through which this policy is implemented and, consequently, on its honesty. These investments are commonly implemented as Foreign Direct Investments (FDIs), or Overseas Direct Investments (ODIs) according to the Chinese statistic denomination, and just in the African continent, over the period 1998-2012, they include about 2000 Chinese firms investing in 49 countries.[12] An important role in this field is covered by the China Development Bank[13] with its China-Africa Development Fund (CAD Fund) and the Export-Import Bank of China[14]. They promote trade and development projects, and support firms and contractors in Africa, through incentives such as tax breaks, credit, low-interest loans and customs preferences. Simultaneously, the Chinese government puts in practice a strong diplomatic effort, for example with periodic diplomatic official visits, in order to guarantee successful outcomes. Referring to the lacking available information, there are two main sectors that seem to receive priority: the energy sector and the infrastructure one. Conforming to an American analysis, the energy field, in particular oil extraction, has been the main beneficiary of investments, with more than 90% of total flows coming from state firms, with the objective of creating joint ventures with African energy companies and multinational corporations.[15] These investment flows are focused on a small number of companies and resource-rich countries such as Angola and Sudan, where at the same time the presence of USA and the European Union is completely absent.[16] On the other hand, the infrastructure sector represents another important field of investments, which shift from $500 million in 2001 up to $14 billion in 2011, used mostly to build powers plants, road networks, health facilities, potentially people-living towns and telecommunication services.[17] Infrastructures are crucial and important investment for China, because they permit to introduce Chinese companies and workers on African soil and to obtain those natural resources able to satisfy Chinese national food and energy requirements. However, China investments are addressed to a great number of “intention of investments”, as Land Matrix calls them; and in fact, according to its database, China invests also in agriculture, industry and tourism.[18]

Despite the Chinese penetration seems to be received by African countries in a favorable and convenient perspective, at the international level it has produced, particularly in US and Europe, a large debate regarding the way of its implementation and the possible consequences for the African continent. It is possible to detect three different interpretations of this Sino-African framework. The first interpretation describes China as a great partner for African countries, it sees Chinese investments as long-term ones and believes in its commitment.[19] Thanks to China, African markets are stimulated and, at the same time, African countries are helped in searching new ways of developing, using also Chinese infrastructures and technologies.[20] This interpretation presents the issue as a win-win situation, where both Africa and China can obtain benefits from their cooperation. The second one instead, believes that investments are only short-term ones and that the Chinese mere objective is to exploit, as fast as it can, African natural and energy resources. The situation in this case, presents a predominant role of China, which could be able to overpower both Western countries and the emerging African ones.[21] The third and last interpretation is the most pessimistic. In fact, it describes the Chinese presence in Africa as a new form of colonization, focused on the gradual control of the African political elites and on the introduction of a new development system going to the detriment of that proposed by Western countries.[22] This assertion appears controversial. On one hand, if we look at the Chinese Constitution, we find that it takes position against colonialism, seen as a threat to stability, but on the other hand, its asymmetrical relations with Africa, its lack of transparency, its investment target and its promotion of emigration policies, gives appeal to this perception.[23] From the social point of view, fears are linked to the possible destabilization of these countries, as said in the previous paragraph. If it is true that the Chinese government looks like the most appropriate to deal with African ones,  because of their usually equivalences in terms of political system, the unlimited availability of China to finance anyone who recognizes the “One-China policy”, could create internal struggles for power, further damaging the already unstable political contexts.

 

 

References:

[1] Source Indexmundi, online: http://www.indexmundi.com/china/population.html.

[2] Source World Bank, online: http://data.worldbank.org/indicator/EN.POP.DNST.

[3] P. Kersting, op.ult.cit.

[4] A. Gallia, “Ruolo della Cina in Africa, tra interessi economico-politici, sfruttamento delle risorse naturali e conflitti sociali”, Conferenza di Studi Africanistici, 30 Settembre-2 Ottobre 2010, Napoli.

[5] Ibidem.

[6] A. Richiello, “Perché alla Cina interessa l’Africa”, Rivista Limes Online, 27 Febbraio 2015, online: www.limesonline.com/perche-alla-cina-interessa-lafrica-1/76224.

[7] A. Gallia, op-ult.cit.

[8] A. Richiello, op.ult.cit.

[9] A. Gallia, op.ult.cit.

[10] Ibidem.

[11] A. Richiello, op.utl.cit.

[12] D. Dollar, H. Tang, W. Chen, “China’s direct investment in Africa: Reality versus myth”, Brookings, 3 September 2015, online: https://www.brookings.edu/blog/africa-in-focus/2015/09/03/chinas-direct-investment-in-africa-reality-versus-myth/.

[13] More information on China Development Bank website, online: http://english.eximbank.gov.cn/en/.

[14] More information on Export-Import Bank of China website, online: http://english.eximbank.gov.cn/en/.

[15] A. Richiello, op.ult.cit.

[16] D. Cellamare and N. Baheli, “La penetrazione cinese in Africa”, Istituto di Studi Politici “San Pio V”, Roma.

[17] A. Richiello, op.ult.cit.

[18] Source Land Matrix, online: www.landmatrix.org/en/get-the-detail/by-investor-country/.

[19] A. Gallia, op.ult.cit.

[20] D. Cellamare and N. Bahel, op.ult.cit.

[21] A. Gallia, op.ult.cit.

[22] Ibidem.

[23] Ibidem.

Repubblica delle Maldive e il caso Australia per i rifugiati climatici. Un ecosistema a rischio.

La Repubblica delle Maldive, con i suoi 298 kmq, è tra le più piccole al mondo, ma al contempo sovraffollata. La sua capitale, Malè, ha circa 95.000 abitanti e la popolazione complessiva supera i 344.000.

La valuta locale è la Rufia, anche se il dollaro è la moneta di scambio nettamente preferita. La lingua locale è il ‘dhivehi’ con una molteplicità di parole di derivazione araba, infatti come quest’ultimo si scrive da destra verso sinistra. Le risorse economiche sono date dalla pesca e dal turismo. La pesca avviene tramite le caratteristiche barche maldiviane denominate ‘dhoni’ utilizzate anche per il trasporto di merci.

     La religione di Stato è quella islamica sunnita e la popolazione è totalmente musulmana. In passato, la rinuncia alla fede islamica era punita con la pena di morte, adesso rinunciare alla fede di Stato porta alla revoca immediata della cittadinanza. Tra i principali precetti dell’Islam che i maldiviani sono tenuti ad osservare rigorosamente vi sono: la professione della fede, il digiuno nel mese del Ramadam e la preghiera rituale (più volte al giorno il muezzin chiama alla preghiera). Un aspetto da sottolineare concerne il fatto che l’Islam vieta l’alcool ai fedeli: per questo motivo la legge maldiviana vieta ai maldiviani le professioni che somministrano alcolici (ad esempio è il caso dei barman). A questo proposito nelle aree esclusivamente turistiche (per tali professioni) si è accentuato una richiesta di lavoratori provenienti principalmente da Bangladesh e Sri Lanka. Pur essendo cittadini di Paesi islamici non incorrono in sanzioni non possedendo la cittadinanza maldiviana. Diversamente da altri paesi di religione musulmana, la figura della donna è meno marginalizzata. Questo grazie all’ampliamento del sistema scolastico e una crescente disponibilità di lavoro (dimensione allargata anche alla donna). Nella società maldiviana le donne possiedono un significativo potere decisionale nella sfera familiare. Le donne maldiviane mantengono il nome da nubile anche dopo le nozze e possono acquistare beni (ad esempio terreni) e fare affari senza il controllo dell’uomo. A Fehlidoo, la più grande isola dell’atollo Vaavu e più grande isola dei pescatori, esiste una scuola primaria e centro educativo dell’atollo (la scuola secondaria è invece presente solo a Malè), che è stata costruita grazie all’aiuto dell’Unicef nel 2007 dopo lo tsunami.  La missione della scuola è quella di rendere i bambini dei cittadini migliori, promuovere l’amore per l’Islam ed eguali opportunità. Nella foto si può leggere la missione della scuola sia in inglese che in dhivhei.


Foto di Valentina Roselli, Fehlidoo, Repubblica delle Maldive, 16/02/2017

Le classi in cui si svolge lezione sono miste, tuttavia le bambine, durante le ore di lezione, devono sedersi agli ultimi banchi, perché i posti in prima fila sono riservati solo ed esclusivamente ai maschi.

Foto di Valentina Roselli, Fehlidoo, Repubblica delle Maldive, 16/02/2017

(il complesso scolastico).

 

Per quanto concerne l’ordinamento dello Stato e l’amministrazione degli Atolli, la Repubblica delle Maldive è indipendente dal 26 luglio 1965. È in tale data che viene sancita la fine del protettorato inglese.

Foto di Valentina Roselli, Fehlidoo, Repubblica delle Maldive, 16/02/2017

Il sistema elettorale maldiviano rispecchia il carattere di Repubblica presidenziale. Il presidente viene indicato dal Parlamento ma la nomina deve essere ratificata da un referendum popolare. Il Parlamento è composto da 48 membri, dei quali due sono rappresentanti eletti da ciascun Atollo mentre gli altri sono di nomina presidenziale. In ciascun Atollo vi è un governo locale (suddivisioni amministrative) diretto da un capo politico c.d. ‘Atolu Verin’ e un capo religioso detto ‘Gazi’, quest’ultimo interprete ufficiale della legge coranica che è la base dell’organizzazione sociale e giuridica della comunità. Oltre al capo politico Atolu Verin vi è anche in ogni isola un capo che coordina la vita amministrativa e prende il nome di Khatheeb. I capi delle isole dipendono dal capo Atollo, il quale è in stretto contatto con il Presidente e con il Ministero degli Atolli a Malè. Il capo Atollo dirige e amministra tutte le attività che si svolgono nelle isole dell’Atollo stesso. In ogni isola abitata, vi è una Corte di giustizia che provvede a far rispettare le leggi.

     Particolarmente curiosa è la modalità di voto all’interno delle isole. Vi è la consuetudine di disegnare sui muri dei palazzi il proprio voto e adornarlo con scritte e disegni floreali. Il fiore generalmente rappresentato è il ‘frangipane’ che rappresenta il fiore del tempio.

Foto di Valentina Roselli, Fehlidoo, Repubblica delle Maldive, 16/02/2017

     “Secondo uno studio pubblicato sulla rivista ‘Global and Planetary Change’, entro il prossimo secolo le Maldive — una delle meraviglie naturali del mondo, oltre mille piccole isole tra il sud dell’India e l’equatore, potrebbero non esserci più”.[1] Le cause sono molteplici, dallo sfruttamento turistico di intere aree al riscaldamento globale, e ad un particolare fenomeno climatico chiamato ‘El Niño’ che provoca il surriscaldamento delle acque con il conseguente sbiancamento dei coralli ed un cambiamento dei fondali ed habitat marini. La questione del cambiamento climatico ha portato ad interrogarsi sulla giurisprudenza del ‘rifugiato climatico’ e con particolare riguardo al caso australiano. “Il Consiglio Australiano per i rifugiati ha sollecitato il governo a riconoscere formalmente lo status di rifugiato climatico a tutti coloro che sono costretti a fuggire a causa degli effetti del climate change. […] L’obiettivo è quello di offrire una protezione simile a quella riconosciuta agli esuli di guerra e ai perseguitati. La Convenzione dei Rifugiati del 1951, infatti, tutela unicamente coloro che hanno un fondato timore di essere perseguitati nel loro Paese per ragioni di razza, religione, nazionalità o appartenenza ad un determinato gruppo”.[2]

 

Valentina Roselli

[1] Maria Corbi, “Le Maldive a rischio scomparsa, e non solo”, La Stampa, 13/01/2013.

[2] Canberra, “Le isole del Pacifico sono minacciate dai cambiamenti climatici. Australia verso il riconoscimento dei rifugiati climatici”, 17/04/2013, www.rinnovabili.it

Viet rehab: di come rendere produttivi gli scarti umani

Il governo vietnamita è recentemente finito nell’occhio del ciclone per via delle violazioni dei diritti umani che avvengono nei Centri di riabilitazione per tossicodipendenti, cioè nei campi di lavoro in cui, attraverso la produzione di beni di consumo dietro corrispettivo di una paga simbolica, gli internati dovrebbero rendersi utili contribuendo al benessere materiale della società.

Luoghi in cui invece sono spesso soggetti a brutalità, abusi e torture.

Dovrebbe essere già abbastanza indicativo il fatto che i centri di riabilitazione per tossicodipendenti in verità si chiamino “centri detentivi per drogati”. Perché l’idea di fondo non è affatto quella di riabilitare, né di rieducare, né tantomeno di punire. Tanto, cosa vuoi che capisca un tossico? L’idea è separare l’olio dall’acqua, ripulire la società dai residui umani, togliere di mezzo queste mine vaganti, così che quanto meno non rischino di far male a qualcuno. In pratica lo stesso ragionamento che per anni è andato bene per i manicomi, le colonie penali e le caserme di confine.

Foto di Phuoc Tuan per VnExpress

Foto di Phuoc Tuan per VnExpress

Ma per comprendere il problema facciamo un passo indietro e focalizziamo la situazione. L’abuso di sostanze stupefacenti è un fenomeno in ascesa nella gioventù vietnamita, un problema praticamente sconosciuto fino agli anni novanta e che si è acuito con il tempo nonostante gli sforzi per reprimere non solo lo spaccio ma anche il consumo. Il collegamento con il cambiamento della condizione economica generale è evidente, i giovani stanno cambiando stile di vita e quelli che affrontano ambienti di lavoro competitivi assumono sostanze stupefacenti più spesso e in maggior quantità. La droga più comunemente utilizzata in Vietnam è l’eroina, con punte del 70% sul totale della popolazione che utilizza con regolarità stupefacenti e sostanze psicotrope. Anfetamina, metamfetamina, ecstasy e ketamina sono diventate droghe molto popolari tra i giovani. I sondaggi dicono che più dell’80% del campione sotto i trentacinque anni ha usato almeno una di queste sostanze nell’ultimo anno. I papaveri, le piante da cui vengono estratti l’oppio e l’eroina, crescono ancora nelle regioni montuose del Vietnam. Le droghe una volta raffinate vengono trafficate da organizzazioni criminali attraverso il Laos e la Thailandia. Dunque il Vietnam sta affrontando un serio problema con il traffico e lo spaccio di droga, nonostante abbia una delle leggi sulla droga più dure del mondo: coloro che vengano presi con più di 600 grammi di eroina o 20 chili di oppio possono essere condannati a morte. Lo spauracchio di essere considerato il ventre molle dell’Asia trova rimedio in una vecchia cura che funzionò bene in passato per punire gli elementi antisociali, rieducarli ed amalgamare il nuovo paese unito.

L’impronta detentiva dei centri di riabilitazione deriva infatti dai campi di rieducazione che erano stati aperti alla fine della “guerra americana” nel 1975. I funzionari all’epoca credettero che il duro lavoro potesse aiutare una persona a superare i propri errori e a contribuire al bene della società.

Negli anni novanta le politiche di contrasto al problema hanno ricevuto un nuovo slancio durante la campagna per sradicare i “mali sociali”, chiaramente la droga era uno di quelli. Il numero di strutture preposte alla “cura” di questo male è cresciuto fino al 2011, attestandosi su 123 centri di riabilitazione.

Andiamo ora a vedere in che cosa consiste il trattamento.

La terapia del lavoro consiste principalmente nel cucire abiti, fabbricare mattoni o pulire gli anacardi, uno dei prodotti di punta dei centri di detenzione vietnamiti. Il Vietnam è il leader mondiale nell’esportazione di anacardi, soprattutto verso gli Stati Uniti e l’Europa. Gli anacardi sono stati identificati dal governo tra i principali prodotti di esportazione per i prossimi vent’anni. Più di 380.000 ettari di alberi di anacardi sono in fase di coltivazione. Di questi, 130.000 ettari sono piantagioni di nuova costituzione. Gli anacardi sono ora visti come un contributo significativo e strategico per l’economia nazionale. Gli internati in questi centri sono forzati a sbucciare tra i cinque e gli otto chili di anacardi al giorno, il che richiede lo sbucciare intorno ai cinquemila anacardi. Human Rights Watch riporta che il lavoro è pericoloso e doloroso. Gli anacardi producono una resina che causa prurito e bruciore mentre l’inalazione della polvere di scorza di anacardi può provocare irritazione dei polmoni. Neanche a dirlo, raramente sono previsti equipaggiamenti di protezione.

Nei centri di recupero per tossicodipendenti sono internati più di quarantamila tra uomini, donne e bambini. Sì bambini, perché è chiaro che se la madre è una tossicodipendente il figlio non glielo tolgono, glielo fanno allattare e crescere fino ad una certa età perché fuori probabilmente non c’è nessuno che si possa prendere cura di lui e magari la famiglia, anche se c’è, si rifiuta e si vergogna di tenersi in casa un collegamento con una drogata. Poi i tossici, si sa, portano solo problemi, mi dice un’assistente sociale, “quando esce dalla riabilitazione torna a reclamare il figlio e magari quello nemmeno la riconosce, allora lei dà di matto e inizia un giro senza fine in cui tutto il caseggiato deve subire il delirio di una mente offuscata dalle sostanze e ossessionata dalla privazione della prole”.

Il 30% dei dipendenti da droghe da inietto sono affetti da HIV. Secondo i dati del Ministero della Sanità il numero di malati di AIDS collegato all’utilizzo di droghe era di 215.425 nel 2003. L’80% delle internate nelle strutture femminili di Hanoi hanno lavorato come prostitute e di queste, tra il 40 e il 50% hanno contratto l’HIV. Potrebbe significare anche che quello è un segmento più soggetto alle retate della polizia e quindi non stupisce che siano una maggioranza nelle strutture di questo genere e in quelle detentive in generale. Raramente in Vietnam le donne sono responsabili di crimini violenti, più spesso li subiscono. Frequente è, come ho già detto in un articolo precedente, che le ragazze di campagna finiscano loro malgrado nel giro della prostituzione e una volta dentro, che vengano introdotte all’utilizzo di sostanze stupefacenti per resistere a prestazioni e orari lavorativi che eccedono la normale sopportabilità fisica. E’ lo stesso motivo per cui alcuni camionisti sniffano cocaina e ai soldati veniva data l’acquavite prima di uscire dalla trincea.

Foto di Phuoc Tuan per VnExpress

Foto di Phuoc Tuan per VnExpress

E’ stato stimato inoltre che i tossicodipendenti sieropositivi siano poco più del 60% della popolazione detenuta. Ora, la legge vietnamita prevede che i detenuti sieropositivi siano rilasciati qualora i centri non forniscano adeguate cure mediche e Human Rights Watch ha dimostrato che la maggior parte dei centri non offrono alcun trattamento antiretrovirale e neanche assistenza sanitaria di base ai detenuti. La mancanza cronica di dottori è argomento ormai di dominio pubblico.

La gente di solito finisce in queste strutture dopo essere stata arrestata dalla polizia, dopo un periodo di reclusione in un carcere vero e proprio, o “volontariamente” spinti dalle famiglie che affidano i propri cari al sistema nella speranza che provveda realmente ad un trattamento di recupero. Molti internati firmano volontariamente per entrare in quello che loro credono, o sperano, essere un posto in cui dovrebbero essere aiutati a superare i loro problemi di dipendenza, senza sapere in che cosa effettivamente consista il trattamento. Torture, abusi, lavoro forzato, condizioni di vita terribili e mancanza di servizi medici appropriati trasformano rapidamente la riabilitazione in un incubo. Ai pazienti “volontari” non è concesso il diritto di uscire quando vogliono, una volta dentro non possono più andarsene. Gli ospiti dei centri di detenzione sono alloggiati in condizioni decisamente non igieniche. Sia gli adulti che i bambini sono costretti ai lavori forzati e corrono un alto rischio di diventare vittime di violenze ed abusi. I detenuti vengono puniti se non rispettano la loro quota di lavoro. Gli viene negato il bagno per un mese, vengono picchiati con delle mazze, gli viene applicato l’elettroshock, vengono incatenati e sono costretti a restare in piedi sulle punte per più di ventiquattr’ore senza acqua né cibo. Alcuni internati riferiscono di essere stati messi in isolamento fino a un massimo di una settimana in una cella così piccola che sono stati costretti a dormire, urinare e defecare in posizione eretta. Diverse persone, intervistate dopo aver completato il trattamento obbligatorio, hanno dichiarato di essersi sentirsi “inferiori agli animali” dopo aver subito queste cose. Quando si convincono a lavorare di nuovo, spesso vengono messi a lavorare per orari più lunghi di quelli che avevano prima.

Negli ultimi anni stanno diventando più frequenti i tentativi di defezione collettiva e la risposta del governo, invece di provare a comprendere i motivi scatenanti, è stata di inasprire la repressione ed aumentare il periodo di internamento forzato da uno a due anni. In alcune regioni il periodo del trattamento è stato innalzato fino a sei anni.

A maggio nel centro di riabilitazione n.2 di Haiphong, 578 prigionieri armati di spranghe e mattoni hanno sopraffatto le quaranta guardie di servizio e sono evasi, dopo che un loro compagno aveva dato l’esempio riuscendo a fuggire ed incitando gli altri a seguirlo. I fuggiaschi hanno spaccato finestre e danneggiato molte macchine sul loro cammino, incluse quelle della polizia, fino ai pressi del distretto di Kien An. Molti sono stati ricatturati dalla polizia nelle settimane seguenti mentre più di cento sono ritornati al centro da soli, di propria volontà. Perché? Alcuni raccontano di essere stati costretti a lavori ripetitivi per lunghi periodi e che questo abbia causato in loro delle patologie mentali oltre che fisiche, annichilendo la personalità al fine di essere trasformati in automi più governabili e congeniali al processo di produzione, ma assolutamente vulnerabili e incapaci di adattarsi nel mondo esterno una volta rilasciati in libertà. Oltre tutto, un rapporto di Human Rights Watch evidenzia come molti detenuti non siano pagati per il lavoro che svolgono o che siano pagati ben al di sotto del dovuto. Cose come vitto, alloggio ed altre spese sono addebitate all’internato e spesso rappresentano l’intero ammontare di ciò che hanno guadagnato. In qualche caso quando vengono rilasciati sono addirittura in debito con la struttura detentiva. Alcuni hanno lavorato per anni senza essere mai stati pagati. Qui il capitale giunge all’apoteosi: che il lavoratore salariato venisse alienato e derubato di una parte di ciò che produce è probabile, ma a questo punto l’alienazione diventa maniacale, malattia mentalmente invalidante, riducendo delle persone allo spettro di se stesse e il latrocinio è integrale, totale. Non viene cioè solo fatta la cresta su una parte più o meno grande del salario, ma non viene loro riconosciuto proprio nulla, dopo anni di fatica, per arricchire qualcuno che non si è approfittato solo dell’indigenza economica, ma anche del disagio fisico, acuendolo e sfruttandolo.

Una volta un ragazzo è scappato. Nelle condizioni che potrete immaginare non è riuscito ad andare oltre il primo paese che ha trovato. Ovviamente, era riconoscibilissimo. Due giorni dopo è stato ripreso e portato indietro. Gli hanno spezzato le gambe, per punizione. Dovunque gli sarebbe stato messo il gesso, chiunque si sia rotto qualcosa, magari giocando a calcetto o cadendo dal motorino, sa di che cosa sto parlando. Ma giustamente lì non ci sono neanche i cerotti o comunque non ci sono per loro, i tossici, che se la sono andati a cercare e valgono meno di un animale, perché l’animale è umile e produttivo, l’animale non ha vizi, non si droga, casomai lo drogano per farlo produrre di più. Non hanno sprecato il gesso né le mani di un medico per quelle ossa fratturate, tanto gli anacardi si sbucciano bene con le mani anche da seduto. La calcificazione irregolare è la causa principale della sua andatura dinoccolata. Difficilmente deciderà di scappare ancora, sa che non potrebbe andare lontano e per di più adesso sa che il rancio e la branda che ha dentro non ce la farebbe più a trovarla fuori. Chi darebbe lavoro a un invalido, tossicodipendente, forse sieropositivo, che parla poco, balbettando, e che sembra un pazzo?

Detenere qualcuno in queste condizioni e permettere gravi atti di violenza e tortura è considerato un deterrente all’uso di droga. L’intento del governo è di diminuire il numero di dipendenti da droghe da iniezione intravenosa del 30-40% entro il 2020.

Ma la tossicodipendenza è una malattia che richiede cure mirate, comprensione e attenzione ma sfortunatamente nella via vietnamita alla soluzione della questione non c’è compassione, empatia o speranza di redenzione, solo assoluta antitesi e disprezzo nei confronti dei drogati. Pochi, se non nessuno, dei tossici risponderà a questo genere di trattamento e anzi molti probabilmente ritorneranno a drogarsi. Chiaramente chi è stato traumatizzato manifesta una fragilità psicologica oltre che fisica che lo rende più vulnerabile alla tentazione di rifugiarsi in una realtà alternativa e in un certo senso anestetica, priva di consapevolezza e quindi anche di dolore, causata dall’eroina come da altre sostanze psicotrope. Il 97% dei curati nelle strutture di recupero torna a fare uso di sostanze stupefacenti entro un anno dalla fine del trattamento.

Ogni volta che leggo rehab penso alla canzone della buon’anima di Amy Winehouse, che aveva il destino nel nome.  Non so come sono trattati gli alcolisti, se per il loro recupero siano previste le stesse condizioni dei tossicodipendenti. È comunque difficile immaginare che l’approccio adottato verso chi ha problemi di dipendenza da alcol sia diverso, appropriato e terapeuticamente corretto, data la mentalità nei confronti delle dipendenze in generale. Possiamo solo sperare che un giorno le organizzazioni internazionali per il rispetto dei diritti umani, a furia di fare pressione, la influenzino e la cambino. Ci pensavo seduto in un bia hoi mentre rigiravo tra le dita i miei diecimila dong di anacardi da accompagnare alla birra, fino a ieri le avevo sempre chiamate noccioline. Quel ragazzo per non voler più scappare avrà avuto dei motivi molto simili a quegli altri cento rinnegati che sono tornati dai loro aguzzini, perché per brutto che sia, il centro di riabilitazione è quanto di più simile a una casa ci sia per loro, in ogni caso un posto in cui possono sperare di riuscire a mangiare se accettano di essere schiavi, mentre sono completamente inadatti al mondo esterno, che dal canto suo non li accoglie certo a braccia aperte. Sembra che il sistema si sia configurato per provocare una sindrome di Stoccolma collettiva come strumento per garantirsi manodopera gratuita ed ubbidiente.

Carlo Scuderi

Made in Vietnam: viaggio fra le donne dell’industria tessile

Stavo seguendo un amico, un pomeriggio, qualche mese fa, ad Hanoi. Voleva portarmi in un posto per mostrarmi qualcosa.
Dalla strada trafficata, schivando bici e motorini, entrammo in un negozio, il cui passaggio era ostruito da spazzatura, sgabelli, cavi della luce e mezzi parcheggiati sul marciapiede. Lui non si fermò neanche a salutare e passò dritto nel retrobottega. Senza dire nulla lo seguii mentre attraversavamo un’abitazione in cui un nonno guardava la tv con i nipoti, entrando da un lato e spuntando dall’altro, passando proprio davanti alla televisione, come trovo odioso che facciano quando la sto guardando io.
Di stanza in stanza si alternavano cortili, lamiere, case raffinate e corridoi di signore che cucivano a macchina senza alzare lo sguardo su quei passanti che percorrevano impunemente quel luogo come se fossero a casa loro. C’erano anche degli scooter che passavano da una stanza all’altra, quasi che la cucina fosse troppo lontana per arrivarci a piedi. Con le spalle del mio amico davanti alla faccia per tutto il tragitto, non mi facevo tuttavia scappare un verso che potesse tradire il mio disappunto nell’attraversare quella che, se fossi stato nella mia città, avrei definito una casbah.
Imboccammo delle scale a chiocciola e, dopo una mezza dozzina di piani con relative famiglie, arrivammo su un terrazzo da cui si vedeva il lago di Hanoi. Il mio amico dovette intuire qualcosa perché senza aspettare domande mi disse, “Ecco, quello è il lago e sotto hai visto il Vietnam”.

Non c’è soluzione di continuità tra dove vivi e dove lavori, non c’è confine tra casa tua e quella del vicino, persino i passanti l’attraversano e se c’è un posto sotto questo cielo, ma anche sotto questo tetto, ci si va in motorino.
Avrei realizzato presto cosa significa densità abitativa. Sarebbe invece stato difficile grattare la superficie e comprendere la situazione dei laboratori come quello che avevo visto di sfuggita, delle fabbriche e della gente che le abita – letteralmente.
L’urbanizzazione e la modernizzazione non hanno creato bidonville intorno al centro città, come la maggior parte delle città dei paesi in via di sviluppo in cui l’industria è arrivata prima dell’edilizia popolare e l’immigrazione eccede il lavoro disponibile, lasciando colonne di formiche arrancare ai margini del barattolo col miele. Hanoi ha accolto gli immigrati nel suo ventre e, prima che se ne potessero accorgere, li aveva già fagocitati in un tritacarne che sta consentendo a questo grande paese il suo boom economico.

La combinazione di rapida crescita dell’industria vietnamita e basso livello di infrastrutture dal quale si è sviluppata, ha messo pressione al governo e alle aziende per spingerle ad occuparsi dei problemi dei lavoratori e delle relazioni sul posto di lavoro, oltre che degli standard di sicurezza e salute per i dipendenti. Il Vietnam ha sostanzialmente aggiornato il proprio Codice del Lavoro nel 2002 quando ha adottato molti standard dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro, nonostante i quali rimangono dei divari, esacerbati dalla richiesta di ulteriore espansione commerciale e liberalizzazione del mercato. La forza dell’economia vietnamita è stata anche la possibilità di sfruttare l’immigrazione interna, proponendo costi del lavoro inferiori alla concorrenza cinese, affetta ultimamente dall’emergere di una classe media che reclama diritti a lungo rimandati. C’è preoccupazione in particolare per le condizioni di lavoro all’interno di molte piccole e medie imprese collegate all’indotto delle multinazionali. Nel 2006 scioperi ad oltranza nell’hinterland di Ho Chi Minh City hanno portato l’attenzione del governo sul problema dei salari. Per la prima volta dal 1999, migliaia di lavoratori chiedevano un aumento del 40 per cento della paga minima, il cui stipendio ammontava a circa 54 dollari americani al mese.

La situazione peggiore è quella delle migranti interne lavoratrici del settore tessile, ridotte a vivere e lavorare in condizioni per cui si potrebbe configurare una violazione dei diritti umani. Il 78 per cento dell’industria tessile è composta da ragazze tra i venti e i trent’anni provenienti dalle zone rurali che, arrivate in città e senza una rete di protezione sociale, accettano di lavorare senza un regolare contratto per una paga inferiore a quella di tutte le altre attività presenti nelle aree urbane. In campagna la disoccupazione e la povertà sono a livelli altissimi, per cui farsi sfruttare nei sottoscala di abitazioni private adibite a fabbriche in città è comunque preferibile che spaccarsi la schiena nelle risaie. Non che fare l’operaia sia meno faticoso: bisogna stare per molte ore sedute nella stessa posizione, ripetere all’infinito gli stessi movimenti, spesso in ambienti caldi, sporchi e rumorosi. Anche per questo c’è un rinnovo frequente della manodopera; in media un’operaia dura due anni e poi cerca un altro lavoro. Se è vero che il tessile è il settore di approdo delle immigrate che non vogliono darsi alla prostituzione perché non richiede particolari competenze, è anche vero che questo non le rende indispensabili. Esse sono cioè “intercambiabili”, senza valori aggiunti o specializzazioni che le proteggano dalla minaccia del licenziamento. Una volta fuori dalla fabbrica infatti la possibilità di impiegarsi altrimenti è nulla dato che non si è sviluppata nessuna competenza specifica ed il tasso di disoccupazione è alto. Così le donne finiscono per lavorare più del dovuto, dalle dieci alle quindici ore in più alla settimana, per far fronte alla crescente competizione nel settore dell’abbigliamento sportivo.

Gli eventi hanno dimostrato che queste attività export-oriented e la gente che ci lavora sono fortemente vulnerabili e soggette alle fluttuazioni dei mercati internazionali. Questo riduce, se non neutralizza completamente, la capacità delle immigrate di tornare a far visita alle famiglie nelle città natale o a prendere parte alla vita della comunità. E’ letteralmente il sogno comunista ribaltato. L’alienazione è garantita, la distribuzione del lavoro internazionale è basata su relazioni di forza tutt’altro che paritarie, lo sfruttamento è la regola e, soprattutto, si nega l’autocoscienza e la possibilità della lavoratrice di essere attiva nella vita sociale, familiare e politica. Quando Lenin disse: «Se non facciamo entrare le donne nelle attività pubbliche, nelle forze dell’ordine, nella vita politica, se le imprigioniamo tra le mura della cucina allora è impossibile assicurare una vera libertà. Inserendo delle donne nei processi di produzione si prepara la strada per l’emancipazione», non sapeva quale parte sarebbe spettata loro nei processi di produzione.

Oltre all’industria del tessile, il lavoro femminile è sproporzionatamente concentrato in prestazioni occasionali ed economia informale (il 26 per cento delle donne contro il 19 per cento degli uomini), retribuito meno rispetto all’altro sesso (il 26 per cento delle donne rispetto al 41 per cento degli uomini). Come ha affermato il Comitato per l’eliminazione della discriminazione contro le donne nel 2007, le lavoratrici dell’economia informale soffrono della mancanza di accesso a cure mediche e previdenza sociale. Il Comitato ha chiesto al governo di rivedere ancora il Codice del Lavoro per adeguare l’accesso ai servizi sociali alle esigenze delle dipendenti nei settori di esportazione. Sebbene a costo di sacrifici, mentre il processo di liberalizzazione sta portando ad una crescita economica nella maggioranza della popolazione, le minoranze etniche, che costituiscono il 14 per cento dei vietnamiti (circa dieci milioni di persone), non hanno beneficiato in misura uguale del progresso. Secondo l’ultimo censimento, i cittadini vietnamiti sotto il livello di povertà si sono ridotti dal 58 per cento della popolazione nel 1993 al 20 per cento del 2004. Tra le minoranze etniche, il livello di povertà si è ridotto dal 86 al 61 per cento. Queste stesse minoranze costituiscono il 39 per cento dei poveri su scala nazionale.

Il Vietnam è passato dall’essere un paese con una cronica emergenza alimentare all’essere il primo esportatore di riso al mondo. Tuttavia le minoranze etniche ancora vivono nella carestia, nella malnutrizione e nella povertà. L’abbandono scolastico è più alto della media ed è del 20 per cento tra le ragazze delle minoranze etniche. Verrebbe il dubbio che dietro ci sia una volontà politica di tenere sotto controllo e contenere le minoranze etniche segregandole in uno stato di indigenza e bisogno continuo, come in un ricatto implicito o un’ apartheid informale. Dunque se in Italia il problema è la disoccupazione delle fasce vulnerabili, in Vietnam si capisce perché si chiamano così.

Carlo Scuderi

La condizione degli Intoccabili oggi: il divario tra leggi e realtà

Mentre i partiti politici indiani, in prima fila Congresso e BJP, sono intenti a strapparsi dalle mani l’eredità lasciata da Babasaheb Ambedkar, le precarie condizioni di vita dei Dalit in questo paese non sembrano essere migliorate molto da quando, ormai 66 anni fa il difensore degli intoccabili si batteva per una loro inclusione sociale oltre che politica.

“Non-implementation of legislation and policies and the lack of effective remedies and effectively functioning state institutions, the judiciary and police included, remain major obstacles to eliminating caste-based discrimination” (Res. 2013/2676 EP, on caste-based discrimination)

I principali partiti politici indiani stanno cercando di accaparrarsi un posto da protagonisti nel corso dei consueti festeggiamenti per la ricorrenza annuale della nascita di Ambedkar, ma nel frattempo cosa stanno davvero facendo per migliorare le condizioni di sicurezza, inclusione sociale e giustizia per la casta degli Intoccabili? Quali passi avanti sono stati fatti da quando la Costituzione dell’India indipendente ha proclamato illegale la pratica dell’Intoccabilità?

Malgrado gli Intoccabili non siano una peculiarità soltanto indiana ma siano presenti anche in Pakistan, Bangladesh, Sri Lanka, Nepal e Giappone, spesso sotto altre denominazioni, l’India è il caso più rilevante per via delle sue implicazioni numeriche, costituendo questi più di un sesto della popolazione, secondo l’ultimo censimento effettuato dallo Human Rights Watch.

Oltre ad essere vietata costituzionalmente l’intoccabilità è anche coperta da tutta una serie di leggi che la criminalizzano e prevedono pene per i trasgressori, come il Protection of Civil Rights Act del 1955 che rende reato l’impedire ad una persona di entrare in un luogo pubblico, insultarla o molestarla sulla base del concetto di intoccabilità.

Nonostante le leggi esistenti, un divieto costituzionale e gli sforzi delle associazioni, la pratica dell’Intoccabilità è ancora oggi presente, almeno nelle zone più arretrate del paese. Un esempio eclatante della sua persistenza e della discriminazione che comporta fu la situazione creatasi dopo il terremoto in Gujarat del 2006 che causò la morte di circa 30.000 persone e creò un milione di sfollati. Oltre al disastro naturale, le caste inferiori hanno dovuto subire una discriminazione da parte dei loro concittadini che gli hanno impedito di raggiungere gli aiuti finanziari, l’acqua potabile e l’elettricità distribuiti dallo Stato al resto della popolazione.

Il Primo Ministro Narendra Modi con il suo partito, il BJP, ha basato la sua campagna elettorale anche e soprattutto sulla conquista dei voti dei Dalit, cercando di creare un’identità unitaria, dei veri e propri miti e una storia separata da quella del resto della nazione.

Malgrado l’impegno politico platealmente preso, ancora oggi siamo testimoni di antiquate tradizioni a danno di questo gruppo sociale. Come le due ragazze punite con lo stupro, lo scorso agosto in Uttar Pradesh perchè il fratello si era innamorato di una donna di casta elevata. Le minacce alla sicurezza di questa casta non si limitano alle decisioni delle assemblee territoriali fatte di saggi e capi villaggio. Lo stesso fratello delle ragazze è stato infatti arrestato con false accuse dalla polizia sempre, ovviamente, per difendere le differenze di classe, per non minare la superiorità delle caste alte. Ma proprio questo caso ci fa forse sperare che qualcosa si stia molto lentamente muovendo se non nella mentalità delle zone rurali, quanto meno nel sistema di giustizia centrale. La Corte Suprema indiana ha infatti riconosciuto il diritto delle due ragazze di ricevere la dovuta protezione, del ragazzo ad essere rilasciato e ha sospeso dal servizio gli agenti responsabili delle false accuse.

Purtroppo, come diceva lo stesso Ambedkar nel lontano 1950, siamo ancora molto lontani dalla meta:
“..we are going to enter a life of contradictions. In politics we will have equality and in social and economic life we will have inequality. In politics we will be recognising the principle of one man one vote value. In our social and economic life, we shall, by reason of our social and economic structure, continue to deny the principle of one man one value. How log can we continue to live a life of contradictions? How shall we deny equality in our social and economic life? If we continue to deny it for long, we do so only by putting our political democracy in peril”

Silvia Paoli