A dangerous game: History of the Iran nuclear deal and Trump’s era

by Luca Papini 

 

The election of Donald Trump as President of the United States has generated a new era of unprecedented political uncertainty. The new US president in fact has often severely addressed different top-priority international issues with violent overtones and actions increasingly out of step with his predecessor. Examples of this can be found in the new US policy towards North Korea, the US withdrew from the Paris climate treaty and, of course, the ongoing narrative over the Iranian nuclear treaty signed in 2015.

The latter has been continuously mentioned by Trump during public speeches over all his first year of presidency and has always been described with the harshest tones. But why does Trump refuse the deal and why is he trying so strongly to re-negotiate it? Moreover, what kind of consequences are likely to happen if he actually does so? This article tries to investigate these issues and, on the other hand, to explain the bilateral and global repercussions of an inconsiderate one-sided policy over the Iranian nuclear deal.

History of the crisis and US involvement.

The Iran nuclear treaty, otherwise called Joint Comprehensive Plan Of Action (JCPOA) was signed in Vienna in July 2015 by the Islamic Republic of Iran and six international negotiators: US, Russia, UK, France, China and Germany (P5+1) in order to solve the nuclear crisis started in the early 2000s. The involvement of these six external states is due to historical and political reasons developed over the 15 years in which the negotiations have been going on.

The crisis started in the august 2002 when the Mujahideen-e Khalgh Organization (MKO), a government’s opposition group, revealed to the world the existence of a facility close to Esfahan for uranium enrichment purposes that the government had not declared to the International Atomic Energetic Agency (IAEA) as it was supposed to do.[i] In the framework of the US war on terror after the 9/11 terrorist attacks, the situation escalated quickly, bringing deep worries in both the area’s and western powers about a possible Iran equipped with nuclear weapons.

On October 16 of 2003 the EU received assurances from Teheran that Iran would soon comply with IAEA’s requests and the negotiations with UK, France and Germany (EU/3) started. Thanks to this opening to the European side, Iran avoided the escalation of the crisis and a partial settlement of the dispute. However, over the following years, numerous propositions were rejected both from the Islamic Republic of Iran and the EU/3 negotiators mainly because of US interference and opposition over a specific topic: the Bush administration fiercely argued against the idea that Teheran’s government shall have been allowed to keep going on the development of nuclear plants for civil purposes. This issue is extremely important for today’s situation because is the lynchpin to understand Trump’s opposition to the JCPOA.

Nonetheless the first turning point on the issue arrived thanks to a more practical and constructive US involvement after Teheran’s menace to increase dramatically the cost of oil’s exportation in response to the first United Nations sanctions occurred in 2006. In fact the very same year, for the first time the US agreed to sit at the table of negotiations, due to both the necessity to address the Republican’s fall in the midterm elections and the impossibility to cope with oil prices upswing during their involvement in middle-east.[ii] In this period the Islamic Republic of Iran strongly believed into the necessity to bring to the table of negotiations a larger team of negotiators, in order to obtain more solid security guarantees for themselves. The natural choices were the others members of the UN Security Council: Russia and China, both active supporters of Teheran’s regime. It follows that the group which will conclude the JCPOA in 2015 was formed and, starting in 2006, the P5+1 tried to work out the Iranian situation throughout a wide range of proposal, initiatives and negotiation for the following 10 years.

The content of the deal.

In 2015 the signature of the deal was an incumbent necessity for Iran: during the settlement of the crisis and the finalisation of an agreement, Teheran’s regime had been vexed by UN’s as well as unilateral increasing sanctions over a wide range of products and raw materials, bringing the country on the edge of collapse. This has been the leverage that the group P5+1 has used against Iran, in exchange of a painstaking detailed regulations on Iran’s nuclear capacity the P5+1 agreed on the disruption of the international sanctions.

From a general perspective it is possible to summarize the regulation on which Iran had to agree on in four points:

  • To not build or develop any new nuclear turbine, with a limited exception for those with the sole purpose R&D (IR-6, IR-8) and under the IAEA strict surveillance. Moreover the only activities of enrichment allowed have to take place in the Nantaz facility and never over a 3.67% level of enrichment (very far from the 20% wanted by Teheran during the negotiations);
  • Always keep their stocks of uranium under the 300kg, the exceeding quantity has to be either sold to the international partners or impoverish them to the natural level;
  • Other measures to prevent the acquisition of nuclear devices. i.e: 15 years of impossibility to use or develop any kind of heavy-water reactor;
  • Implementation of transparency measures: 25 years compliance with any IAEA requests over all the production of uranium on the territory, unique use of IAEA approved technology for a period of 15 years and immediate resolution of concerns that might arise allowing deep international inspections on all the national territory.

In exchange to the above mentioned restriction on their nuclear capabilities Iran obtained the lifting of numerous sanctions such as:

  • All the UN sanctions from the resolutions n°: 1696 (2006), 1737 (2006), 1747 (2007), 1803 (2008), 1835 (2008), 1929 (2010) e la 2224 (2015);
  • All the EU sanctions, and their amendments, in matter of: Bank activities, financial support for trade and development, oil import and export, airports access for goods’ transport and exportations of valuable materials such as gold, silver etc..
  • All the unilateral US sanctions in matters of goods, precious raw materials and weapons, even though a 5 year embargo was still kept on for conventional arms and 8 years for ballistic missiles.[iii]

Today’s situation.

As already stated, since the election of Donald Trump the US administration has tried to review the JCPOA in order to obtain a “more favourable deal” for the US. The main reason behind it seems to be the time limit that was set on specific restrictions (i.e: implementation of transparency measures), this particular issue was called by the opponents of the deal “Sunset Clause” and, as mentioned already, finds its roots in the very early Bush administration opposition to a EU/3 – Iran deal in 2004 and 2005.

During his term so far Trump has threatened three times the unilateral US withdrawal from the JCPOA and an immediate stop to the lifting of sanctions agreed, last one in the earliest day of this year, adding as that would be the last time he complies with the deal, suggesting with this that if a change does not occur in a 4 months period, he will rip the deal off, with or without the EU partners.

The problem here are the foundation of the JCPOA itself: the so-called “sunset clause” is the very base on which the JCPOA has been signed. As perfectly explained by Gordon and Malley:

The real choice in 2015 was between achieving a deal that constrained the size of Iran’s nuclear program for many years and ensured intrusive inspections forever, or not getting one, meaning no restrictions at all coupled with much less verification.[iv]

The game played by Trump here is a dangerous one. Even though all the EU partners have continuously rejected the hard line of the US president, sustaining and enforcing the 2015 deal, Iran is growing skeptic and might soon enough stop as well complying with the restrictions imposed if Donald Trump does not stop this narrative and actually does withdraw the US from the JCPOA. In fact, Iran would consider any tentative of reintroduction of sanctions related to the nuclear crisis as sufficient enough to withdraw their adhesion to the implementation of the JCPOA.[v]

 

References:

[i] Farzan Sähet, Iran: Resolving The Nuclear Crisis, p. 77.

[ii] R. Guolo, La Via dell’imam, p.155

[iii] Joint Comprehensive Plan of Action, Vienna, 14 July 2015: http://eeas.europa.eu/statements-eeas/docs/iran_agreement/iran_joint-comprehensive-plan-of-action_en.pdf Paragrafs 18-24, Section A, Chapter 1 amd  2. For a complete list of the sanctions see “Annex II” pp. 51-135

[iv] Philip Gordon and Robert Malley, Destroying the Iran Deal While Claiming to Save It, First published on “The Atlantic” on JAN 21, 2018 https://www.theatlantic.com/international/archive/2018/01/trump-iran-deal-jcpoa/551066/

[v] Joint Comprehensive Plan of Action, Vienna, 14 July 2015: http://eeas.europa.eu/statements-eeas/docs/iran_agreement/iran_joint-comprehensive-plan-of-action_en.pdf Paragrafs 26, Section A, Chapter 2 “Sanctions”.

La bromance tra Putin e Trump e la percezione di Trump in Russia

b4401e59-e854-48ea-a35b-d71bb07d1214
Dopo la vittoria alle primarie in Indiana e l’innalzamento della bandiera bianca da parte di Ted Cruz e John Kasich la vittoria di Donald Trump nella corsa alla nomination repubblicana sembra completamente accertata. Un candidato, che ha provocato indignazione e paura per il suo stile di condurre la campagna elettorale, le sue idee radicali nei confronti degli immigrati e le minoranze religiose e la sua retorica a volte razzista, è di conseguenza visto di cattivo occhio pressoché da tutto l’establishment statunitense sia democratico che repubblicano, nonché dalla maggior parte dei leader paesi occidentali. Tuttavia, nonostante grandi sforzi dell’élite repubblicana che ha favorito precedentemente una sorta di alleanza tra Cruz e Kasich, la marcia del tycoon americano, che non concorre più con nessuno, verso la magica cifra di 1237 delegati sembra ormai inarrestabile.

Mentre in paesi occidentali l’avanzata di Trump incute delle naturali preoccupazioni, in Russia la sua ascesa è vista nella prospettiva di un possibile cambiamento positivo dell’atteggiamento statunitense nei suoi confronti. In effetti, molti leader e teorici russi sfoderano toni rassicuranti riguardo al futuro dei rapporti bilaterali nel caso Trump arrivi alla Casa Bianca, mentre tra Vladimir Putin e il magnate americano si è instaurato da tempo un rapporto di profonda amicizia. Inoltre, Trump provoca un interesse particolare tra i cittadini della Federazione: egli è l’aspirante presidenziale più citato nei mass media russi, dopo aver superato a marzo il più probabile candidato del partito democratico, Hillary Clinton.

A questo punto sorge una logica domanda: perché Trump è visto in maniera completamente diversa in Russia? A differenza di tutti gli altri aspiranti presidenziali, che suonano spartiti diversi ma sempre sulla stessa tastiera, Trump, a volte borioso, caparbio e beffardo, ha un suo stile personale, che lo distingue da tutti gli altri: è l’unico candidato senza pregresse cariche istituzionali e non fa parte della classe dirigente statunitense. È in tutti i sensi un homo novus, qualcuno senza alcun precedente nella storia elettorale americana, ed è proprio per questo che Trump raccoglie un consenso così forte tra i ceti russi più disparati. Essa è la ragione principale della sua amicizia col Presidente russo, con cui condivide alcuni aspetti dell’alfabeto decisionale (si noti di passaggio, che è uguale la radice di un forte rapporto tra Putin e il suo vecchio amico Silvio Berlusconi): entrambi risultano spesso essere dei reietti politici sull’arena internazionale (o, per lo meno, fra i governi occidentali) e hanno uno stile di politica molto simile, cercando di crearsi un’immagine di un leader forte ed intransigente con i nemici, ma contemporaneamente capace di dialogare e di risolvere i problemi del popolo. Dalla geometria di questi fattori è sfociata una bromance (brother + romance) tra Trump e il presidente russo, formalizzatasi dicembre scorso quando Putin chiamò il candidato presidenziale “una persona di grande talento” (nella versione di Trump – “un genio”). Trump a sua volta ha speso a più riprese belle parole su Putin, sottolineando che lui da presidente, invece di scadere in ulteriori scontri, avrebbe riportato i rapporti tra la Russia e gli USA sulla strada di dialogo. Nonostante una piccola rottura a metà marzo, quando Trump ha pubblicato su Instagram un video in cui l’ISIS e la Russia erano mostrati come i principali nemici degli USA, la strana amicizia regge.

Ad accogliere con lodevole prontezza la direttiva del Cremlino sono stati anche i numerosi periti e figure mediatiche, che sostengono con grande zelo la candidatura di Trump. Così, Dmitry Kiselev, uno dei più famosi conduttori televisivi russi, ha più volte sostenuto Trump, osservando che l’elite politica americana ha sperperato in generale la fiducia degli elettori, e che i leader repubblicani sono “pronti a fermare Trump costi quel che costi” nonostante la scelta del popolo. Altrettanto interessante è la posizione di uno dei fedelissimi esperti del Cremlino, Alexander Dugin, che definisce Trump come “l’unica speranza” per il popolo statunitense e come l’unico candidato, che “dalla politica distruttiva passerà ai problemi dei cittadini”. Tutte queste manifestazioni di sostegno a Trump sone dovute a due fattori fondamentali: la ormai incardinata percezione che la sua diversità permetterà alla Russia di trovare un modus vivendi con gli USA circa i conflitti odierni e il semplice fatto che Trump va contro il modello governativo attuale americano, essendo un candidato presidenziale alternativo, non conforme e diverso dai profili classici.

Cionondimeno, per quanto riguarda la percezione di un possibile miglioramento dei rapporti bilaterali, sotto un’analisi più profonda sembra quantomeno errata: anche se Donald Trump diventerà presidente (che è già di per sé tutt’altro che scontato), la politica estera degli USA non subirà cambiamenti talmente drastici da capovolgere i rapporti tra i due stati, e per una serie di ragioni. Innanzitutto, nelle sue iniziative diplomatiche Trump sarà condizionato dalle istituzioni americane e, nel caso lui vorrà intraprendere dei passi troppo radicali, sarà arginato da altri ideatori di politica estera. Inoltre, non deve essere tralasciato un fattore di cruciale importanza – la personalità di Trump. Come detto sopra, nel centro del suo successo politico si colloca la sua immagine di un uomo forte, che lui deve mantenere a tutti i costi. Non è una persona che si indietreggerà davanti alle pressioni esogene, le quali renderanno solamente la sua posizione più rigida. In effetti, alla fine d’aprile ha detto che se lui non riuscirà a trovare un accordo con la Russia, dovrà fare ricorso ad una politica di “frusta”, e cioè di forza.

Può darsi che il Cremlino abbia alcune illusioni nei confronti di Trump, ma la causa chiave dell’appoggio verso il candidato alla presidenza si nasconde nella vecchia logica de “il nemico del mio nemico è mio amico”. In fin dei conti l’amicizia tra Putin e Trump è abbastanza fittizia ed è un obiettivo fine a sé stesso, privo di traguardi di lungo termine. Dal momento che i rapporti tra Mosca e l’attuale amministrazione di Obama sono difficilmente positivi, è naturale che Putin sia più propenso a sostenere Trump, il cui rivale politico principale, Hillary Clinton, è un ex-esponente dei vertici governativi degli USA e in generale una persona molto legata alla tradizione politica americana.

Alexander Bibishev

Il conflitto in Nagorno-Karabakh: un conflitto congelato per sempre?

Il 2 aprile, ormai per l’ennesima volta negli ultimi anni, è precipitata la situazione in Nagorno-Karabakh, dando vita ad una nuova spirale di violenza che ha lasciato morti più di 50 persone fra armeni ed azeri, il numero più alto di vittime dopo la fine della fase attiva del conflitto nel 1994. Lo scontro tra le forze armate dell’Azerbaijan da una parte e del Nagorno-Karabakh, uno stato non riconosciuto internazionalmente, e l’Armenia dall’altra parta, è finito dopo quattro giorni (anche se si verificano ancora diverse violazioni della tregua) grazie alla mediazione del Gruppo di Minsk e della Federazione Russa, acquistando preminenza nel campo visivo dei governi regionali e risollevando la necessità di una veloce soluzione del conflitto.

Da un punto di vista storico, il Nagorno-Karabakh ha sempre avuto una forte componente armena: la regione faceva parte del Regno d’Armenia già più di duemila anni fa. A causa di una costante sottomissione alle grandi potenze regionali, nel corso della storia la percentuale della popolazione armena nella regione è notevolmente calata, giungendo a recuperare la propria composizione etnicha solo dopo l’adesione al cristianissimo Impero Russo: così, nel 1897, il 42% della popolazione del Nagorno-Karabakh era armena.

Le radici del conflitto moderno nella suddetta regione possono essere rintracciate sin dal primo dopoguerra quando, nel biennio 1918-1920, si verificarono i primi scontri tra le truppe dell’Armenia e dell’Azerbaijan per il controllo del Nagorno-Karabakh, popolato prevalentemente da armeni. Con l’avvento al potere sovietico nella regione del Caucaso il Nagorno-Karabakh fu assegnato a Baku, seguendo la vecchia logica di divide et impera, gettando così le basi per il futuro conflitto.

Durante l’epoca sovietica le contraddizioni tra armeni e azeri, come tante altre controversie etniche, vennero oscurate dalla parvenza di unità ideologica. Tuttavia, nel momento in cui nelle strutture statali che tenevano insieme tanti popoli affiorarono i primi segni di spaccatura e si verificarono i movimenti centrifughi nelle periferie del colosso sovietico, i conflitti etnici, finora dormienti, vennero alla luce dando un’ulteriore scossa alla stabilità della regione. Uno di tali conflitti fu quello che ebbe luogo in Nagorno-Karabakh, dove dopo un lungo periodo di manifestazioni e fermento politico scatenati dalla glastnost’, all’inizio del 1990 cominciò un vero conflitto militare. Al referendum del 10 dicembre del 1991 il 99% della popolazione votò a favore dell’indipendenza dall’Azerbaijan (la maggior parte degli azeri locali aveva ormai abbandonato il territorio o si astenne dalla votazione). Con il crollo formale dell’URSS, che non aveva più alcun potere di limitare l’aggravarsi della crisi, nella regione del Nagorno-Karabakh si scatenò una guerra a pieno titolo tra l’Armenia e l’Azerbaijan, la quale costò la vita ad almeno ventimila persone.

Nel 1994, dopo una serie di trattative diplomatiche, fu finalmente firmato il cessate il fuoco, che sanzionò, in pratica, la vittoria delle truppe armene e l’indipendenza de facto del Nagorno-Karabakh, trasformando la guerra in un conflitto “congelato”. Il compito di sanare le contraddizioni e porre definitivamente fine alle tensioni fu assegnato al cosiddetto Gruppo di Minsk, creato precedentemente nel 1992 sotto l’egida dell’OSCE e guidato da una co-Presidenza composta da Francia, Russia e USA. Nell’arco di vent’anni il Gruppo lanciò una serie di proposte destinate a risolvere la situazione, tra cui vanno sottolineati i Principi di Madrid (2007), che stabilirono, fra gli altri, la necessità di restituzione dei territori adiacenti al Nagorno-Karabakh all’Azerbaijan, la creazione di un corridoio per connettere l’Armenia al Nagorno-Karabakh e la determinazione dello stato legale della regione a seguito di una scelta autonoma della popolazione.

Tuttavia, nonostante numerose iniziative, il conflitto persiste ancora oggi e tende ad acuirsi, come è successo all’inizio d’aprile. Purtroppo è innegabile l’incapacità del Gruppo di Minsk nel raggiungere il suo obiettivo, per un motivo alquanto semplice: qualsiasi soluzione dell’equazione diplomatica provocherà il malcontento in uno dei due paesi. In effetti, nel caso ci sia un referendum in Nagorno-Karabakh a cui partecipi solo la popolazione locale, l’Azerbaijan non sarà mai d’accordo col suo esito scontato, ed invece, nel caso contrario, se prenderà sopravvento il principio di integrità territoriale, l’Armenia sarà difficilmente favorevole ad una soluzione del genere. Tutto questo rende molto incerta una via d’uscita diplomatica.

Diventano invece sempre più probabili, fomentate da un’intensa propaganda, soluzioni date dall’uso della forza militare, popolarissime nell’establishment azero, dove sono ancora molto forti i sentimenti di revanche dopo la sconfitta della guerra. Oggigiorno l’Azerbaijan, un paese tarmato da inefficienze e corruzione endemica, sta affrontando dei gravi problemi economici, con la crescita del Pil estremamente lenta e con una recessione nel settore industriale dovuta al calo drastico dei prezzi del petrolio e del gas, che ammontano al 95% delle esportazioni del paese. In questa situazione per l’elite azera la ripresa del Nagorno-Karabakh sarebbe fondamentale nel riacquisire il sostegno del popolo, spostando la sua attenzione dalla travagliata narrativa interna ad una questione esterna.

La prospettiva militare, sempre più probabile nella situazione in cui gli sguardi di tutto il mondo sono rivolti ad altri conflitti, sembra estremamente pericolosa se si considera il contesto geopolitico intorno al conflitto. L’Armenia, nonostante le crescenti critiche verso la Russia per il suo ruolo passivo nella crisi attuale e le esportazioni delle armi all’Azerbaijan, è un suo fido alleato, facendo parte dell’Organizzazione del trattato di sicurezza collettiva (CSTO), che è, di fatto, un’alleanza militare. L’Azerbaijan, a sua volta, gode del sostegno della Turchia, che ha tradizionalmente appoggiato il suo vicino caucasico per motivi di vicinanza etnico-culturale e linguistica. Sullo sfondo di un peggioramento notevole dei rapporti bilaterali tra la Russia e la Turchia, in seguito all’abbattimento del jet russo novembre scorso, e la successiva introduzione delle sanzioni da parte della Russia contro la Turchia, è difficile escludere una limitata proxy war tra i due paesi, uno scenario definitivamente poco desiderato dai loro leader.

Cionondimeno, l’unica alternativa ad un’altra guerra con conseguenze imprevedibili, che resta a disposizione dell’Armenia e l’Azerbaijan, sarebbe trovare un’intesa diplomatica, che potrebbe essere raggiunta solo se tutte e due delle parti faranno dei sacrifici e rinunceranno alle loro posizioni intransigenti. Ad oggi, questa è, come già detto, una strada difficile da seguire, ma a questo punto dovrebbe essere chiaro che un conflitto congelato come quello del Nagorno-Karabakh non può rimanere congelato per sempre: o sarà risolto o scoppierà con nuova forza.

Alexander Bibishev