A European migration crisis or a European crisis? Interview with Jean-Barthélemi Debost.

The Association of European Migration Institutions (AEMI) Conference took place in Santiago de Compostela from September 28th to October 1st. AEMI, which was founded after the end of the Cold war in 1991 in Germany, is a network of organizations, such as research centers, universities, museums and so on, that focuses its attention on the history of migrations. Currently present in more than twenty countries (mainly in Europe), the AEMI Members meet together once a year at a conference, set in one of the Member States, during which projects and researches on migrations conducted by individuals are presented.

The Conference in Santiago tackled the issue of European migrant diasporas and cultural identities; the last panel was dedicated to the European migration crisis. During the last session, one of the speakers was Jean-Barthélemi Debost, the current director of the Department of Network and Partnership of the Musée national de l’histoire de l’immigration, situated in Paris. Post-graduated in contemporary African History at the University of Paris I Sorbonne, he coordinated for 10 years (1990-2000) a youth image education system on the territories under the urban policy in the Ile-de-France carried out by the Ministry of Culture and the Ministry of Social Affairs and then he joined the Seine-Saint-Denis county to participate in the creation of the Cultural Heritage Department. Representing the National Museum of Immigration History, he gave a presentation about the reactions of the institution by which he has been working to the migration crisis in Europe, taking as an example the temporary exhibition they organized last year, Frontières.

At the end of the second day of the conference, we found some time to have a discussion together, and that moment launched the idea of the interview. I consider a honor to have had on open debate with him about the current migration crisis, the refugees issue and the work the Museum where he works does.

R: Hello Jean. You spoke yesterday during the last panel, that was actually strictly linked to the current events, and this is the main reason why its title was “Open discussion on European migration crisis”. Yet, during your speech you contested this title, arguing it would have been better to talk of a “European crisis”. Why?

J: What is the problem? Is the problem the fact that hundreds of thousands of Syrians are leaving their country because of war? Is this the problem? Or is the problem the fact that Europe, which is supposed to be a contract among twenty-eight – very soon twenty-seven – Member States of a same organization, is not able to have a common and united policy, on how to receive these people. And what we can see is that Hungary has a point a view, Germany has a point a view, France has a point a view, the United Kingdom has a point of view. Actually this refugees question reveals that the problem is directly connected with the European Union, its institutions, and the way they have been acting. It shows that the EU has no foreign policy, that it is not able to manage properly the external borders. Indeed, the problem is a European problem.

R: I think it could be a good point to open the discussion again. But anyway: “migration” as a word is nowadays overwhelmingly present on television, on social networks, in the political debate. nevertheless, as you pointed out, it is not the case  in France. Even if your country has a long history of immigration, which are the main difficulties you have to face when dealing with migrations in France today?

J: Next year we are going to open a new temporary exhibition dedicated to a hundred years of Italian immigration in France, from 1860 to 1960. This is a story that began very badly with murders and racism, against the Italians, from at the mid-19th century until the 20th century. But it is a story that ended nicely: these Italians or their descendants in France are nearly invisible, or if they are visible, they are seen a positive way. Delicacy, elegance, shops, restaurants; the very idea of latin-lover represented by Marcello Mastroianni and other Italian actors. All these elements contributed to change our representation of Italians since the beginning of the 20th century. So, after three, four, five generations, this huge flow of Italians is completely integrated, to speak roughly. This clearly shows to what extent time can make things better. Let us talk about nowadays. The job of exploring the history of people coming from the former French empire, understanding what kind of representation colonization has made in the eyes of the white, or the so-called white, upon the people coming from Africa or Far East are some of the difficulties. If we don’t dig this history, I’m sure that we will keep the same point of view on these people that the colonial system had. However, to answer your question, the main factor, in my opinion, is the lack of employment, which creates in suburb areas, as our Prime Minister told us, a social, ethnic and geographical apartheid. It is not because they want to be over there, the system put them over there, and they have no chance to escape from there, if they have no jobs. Then, as in any other peoples, you have crazy individuals, and for me, the terrorists who organized the attacks in Paris, they mainly come from migrants families, but first of all they are crazy. That’s it.

R: Thank you. You have mentioned Ciao Italia, the temporary exhibition about Italian migration in France. It will be an itinerant exhibition: why this choice?

J: I have been working in the Museum since 2013 in the Department which tries to build partnership inside and outside the Museum. Two years ago, we thought that an itinerant exhibition could be very interesting to build partnerships; that is why we created Frontières. It is a way for us to work in close contact with the territories. We lend it for free; and we also give tools that can help the territories to make these exhibitions something of their own. For example, in “on the road” Ciao Italia there will be about 20 panels but some will be empty. Visitors will have the framework, the titles and so people in Marseille, or in Lorraine, or people around Toulouse will be able to make their own contribution to the national exhibition, documenting what is going on in their home territories. It is a way to help those territories to manage the history of migration. And that’s a good tool to fight against discrimination.

R: Going back to yesterday and talking about your presentation, you told us about the exhibition Frontières, that was focused on the issue of borders. But you also said that migration crisis in France took place in the same period of the terrorist attacks. So, in a few words, how did you manage to separate these two phenomena in that exhibition?

J: The exhibition was on borders and their history. It was about territories nearby borders and about people working there. It showed how security is planned in border zones and the kind of business it is. It was also about how it is going through borders and how to protect them. Both at national scale and at European level. So the question was not about immigrants, the question was not about terrorists, but it was: “What is a border?”, “When did it take place in the birth of the Nation?”, “Which form has nowadays the EU which originally promised us a free circulation space for people and goods?”. In fact, Europe pushed the borders to the end of the Europe, and it was the Schengen area. So it was about giving the visitors plenty of information about the landscape in which the migrant problem takes place. Of course, we had some pictures related to the issue of migrants, of course we had newspapers dealing with this matter for weeks and even more after the body of young Aylan was found on a Turkish beach, but the core of the exhibition is about how all these events are happening because of where we decided to set our borders.

Talking about the terrorist attacks: yesterday I told the audience that the European migrant crisis and the terrorist attacks were two different things and the Frontières exhibition instead did not deal with terrorist Paris attacks, nor was it about security problems and about alleged connections between immigrants and terrorists. What I was saying is that after the Paris attacks, the National Museum of Immigration History was considered as a place where people could learn how to think about secularism, about liberté, egalité, fraternité, about these territories, these suburbs where the Republic is poorly represented. In some places post offices are disappearing.

Suburbs cities are fading away from the center. People came to the museum to try to have ideas on these facts. Yet, Frontières was not a response to that; we tried to organize some talks, some workshops. We called people to help us to discuss about it (for example, we had an historian of secularism, another historian who helped us to work on the concept of racism, etc). But Frontières had nothing to do with terrorist attacks.

R: Yesterday, you also told me that with Frontières, you went to Sziget Festival last summer, in Budapest; a music festival, frequented by the young European generation, the so-called “Erasmus generation”. As an external observer, what are the general feelings you perceived there regarding migration and the European crisis, from the point of view of young people?

J: Sziget Festival was a very good experience. Especially because it was the time when the PM Orbán decided to launch the referendum campaign on the European Commission plan for the relocation of refugees coming to Greece or Italy. So first of all, it was very impressive to witness the fact that this festival asked us (Musée national de l’histoire de l’immigration) to be there in August in Budapest, at the same time of the campaign. I do not want to say that in France there are no problems between citizens and the State, between citizens and the political establishment, but in Hungary, in August, the climate was rather tense: the wall was conceived and the referendum was on. So we were on a kind of an ideological front. We spent one week there, we were not in the center of the festival, but at the museums corner, quite far from the main stage; we were in a tent shared with the Museum of Ethnography of Budapest, and the tent was called “Tent without Borders”. We counted about 700 visitors: people who read about the exhibition, a bit or a lot. I personally met a dozen of visitors and discussed with them: they were very involved in what was going on, and I think the atmosphere of the festival made them think about that situation. And this fact is impressive for me. Why? Because the Sziget festival was, in my opinion, an image of what Europe could be: people living peacefully, discussing together, enjoying their time together, drinking together, listening to the music together, sleeping together, and so on. People from everywhere: you could listen to all the languages from any part of Europe. It was a bit too much white for me; but, voilà, maybe it costs a lot of money, maybe the selection of music made it that it was more white music than other music, even if I watched Rachid Taha born in Algeria and raised in France on stage. But it was a really good image to watch the young generation of Europe, the one you have called “Erasmus generation”. They were there discovering or rediscovering how we could have a discussion with French, British, Czech, Italian or Spanish boys and girls. And there that was possible and everything was friendly. People were very sad looking at the exhibition, because the main point was make us think that we could build a Europe without borders and then also consider that borders are coming up again. For instance, one guy asked me: “What can we do?”, just after Brexit. “You have to continue traveling and meeting people to show that it is possible to live with others and it’s also a pleasure”. All in all, the Sziget experience was really impressive for me.

R: Thank you for your time, Jean. I really hope to meet again, maybe in Prato, where Ciao Italia will be hosted.

Riccardo Roba

Orbán e il referendum del 2 ottobre

Il “ladro di cavalli” che ha messo il laccio all’Europa

Erano i primi di luglio di quest’anno, quando János Áder, presidente dell’Ungheria, con la frase “in quanto Presidente della Repubblica, io decreto che il referendum si terrà il 2 Ottobre” sanciva l’ufficialità di un imminente referendum. L’appuntamento elettorale in questione, da mesi invocato dal primo ministro Viktor Orbán, avrà come oggetto il piano della Commissione europea per il ricollocamento dei rifugiati, approdati in Grecia e in Italia. Tale piano era stato approvato dalla maggioranza degli Stati membri esattamente il settembre dell’anno scorso, ma durante la votazione, la stessa Ungheria, assieme ad altri paesi dell’Est Europa, si era schierata contro. Pur essendo in minoranza, il carismatico e discusso primo ministro magiaro non si è dato per vinto, e anzi, a distanza di mesi, ricopre un ruolo di primo piano nel cosiddetto Gruppo di Visegrád (gruppo a cui l’Ungheria appartiene, assieme alla Polonia, alla Slovacchia e alla Repubblica ceca).

Insieme alla data del 2 ottobre, l’estate scorsa è stato reso pubblico anche il testo del quesito referendario, che recita così: “Volete che l’UE prescriva il ricollocamento obbligatorio di cittadini non ungheresi in Ungheria senza l’approvazione del parlamento ungherese?”. Una domanda già dal tono provocatorio, che non affronta il cuore della questione migratoria, ma ne amplifica la retorica.

Retorica, la parola chiave per comprendere la campagna che si è svolta attorno a questo referendum. Dall’esito quasi scontato – una vittoria per Orbán è infatti molto più che una possibilità – il referendum ha visto crescere attorno a sé fronti squisitamente xenofobi e razzisti contro i rifugiati, alimentati in misura preponderante proprio dal governo: basti pensare agli opuscoli che ha stampato e distribuito il governo stesso, in cui compaiono file sterminate di immigrati alle porte del paese; immagini che si sono già viste alle spalle di Nigel Farage prima del referendum britannico del 23 giugno.

Non solo la forma, in questo periodo, ha avuto importanza, ma anche la sostanza: il governo ungherese si è infatti occupato di tracciare una mappa delle città europee dove non andare, perché, sostengono gli uomini del partito di governo Fidesz, caratterizzate da crimini collegati alla presenza di immigrati. Di nuovo, poco importa se tra queste sono capitati alcuni quartieri di Londra, dove scattarono delle rivolte urbane nell’estate del 2011, quindi prima dello scoppio della guerra civile in Siria, e molto prima dell’emergenza dei rifugiati: il messaggio che è passato ai più è che i migranti portano un innalzamento della criminalità.

O ancora: l’Ungheria, che si trova in un momento di particolare fervore economico, deve anche affrontare un aumento della domanda di lavoratori, causati da un’emorragia di giovani menti che emigrano in altri paesi europei più ricchi. La relativa crescita economica che vede protagonista il paese, dunque, è a corto di forza lavoro. La risposta, però, non pare poter arrivare, come in quasi tutti i paesi europei, dall’interno dei confini nazionali: l’Ungheria ha un tasso di fertilità più basso della media europea, e anche inferiore a quello tedesco (nel 2015, i numeri di figli per donna erano rispettivamente: media UE 1,57564, Germania 1,47486, Ungheria 1,43752). A 10 anni dalla propria entrata nell’Unione europea, la popolazione ungherese, nel 2014, era diminuita di quasi 250mila persone; e le previsioni sono ancora più pessimiste, perché, guardando al lungo periodo, nel 2080, ci saranno 8.685.213 residenti in Ungheria, rispetto ai 10.116.742 del 2004 (così come crescerà la speranza di vita per gli ungheresi, passando dai 72,4 anni del 2015, agli 85,4 anni sempre nel 2080).

Questi problemi, tuttavia, che meriterebbero una discussione più pacata, scientifica e approfondita, sono invece trattati alla stregua dell’esasperazione, come in tante altre parti d’Europa, anche a Budapest: se in molti paesi, però, le forze anti-immigrati sono (almeno per ora) all’opposizione o in minoranza, qui invece sono al governo. E la crisi migratoria, in realtà, ha funto da volano per il premier Orbán, che proprio per il suo pugno duro contro i rifugiati, ha catalizzato sempre più consensi. Se allora si passa dal lungo al breve periodo, i voti contano, eccome. Per un paese come l’Ungheria, dove molti altri problemi premerebbero per essere messi all’ordine del giorno, trovare una valvola di sfogo su cui concentrarsi, è la migliore soluzione per volgere lo sguardo su altri orizzonti. L’Ungheria nel 2015 è scivolata al 50esimo posto nella classifica mondiale della corruzione e il governo non pare intenzionato ad approvare misure che combattano tale fenomeno. Quest’anno, inoltre, il paese magiaro è sceso ancora di due gradini anche nella lista mondiale di libertà di stampa, redatta da Reportes sans frontieres, passando dal 65° al 67° posto. Anche su questo, Orbán tace, anzi è stato proprio lui a rendersi protagonista di un pericoloso arretramento in merito alle libertà d’espressione, vanificando gli sforzi fatti a partire della caduta del blocco sovietico. Come in molti paesi africani, o nella stessa Russia, il bersaglio preso di mira è stata un’altra minoranza, gli omosessuali, per nascondere fallimenti economici, mancanze di visioni, corruzione e altro ancora, così il governo ungherese – caso non unico – si è focalizzato sull’arrivo dei rifugiati in Europa.

Da una parte, dunque, motivi interni. Dall’altro, ovviamente, i nuovi equilibri che si stanno delineando all’interno dell’Unione europea. Già durante l’estate del grande afflusso (nel luglio 2015), quando l’Ungheria era proprio passaggio della rotta balcanica, il percorso che vide protagonisti centinaia di migliaia di rifugiati provenienti dal Medio Oriente, il primo ministro magiaro si erse a difensore dell’Europa cristiana e fece approvare la decisione di costruire una recinzione di ferro al confine serbo. L’euroscettico Orbán poteva finalmente incalzare le istituzioni europee su una questione davvero contingente.

Il vero punto di svolta, però, è occorso molto più recentemente, in particolare dopo la Brexit: questo evento, dove, come si sa, ha prevalso il fronte per l’uscita, è stato reso possibile anche per gli elementi fortemente anti-immigratori del fronte del Leave. Tutto ciò non poteva che essere linfa vitale alle energie di Orbán, che ancora più risoluto, ha sostenuto il referendum come strumento legittimo in cui il popolo si possa esprimere, e ha condotto una campagna veramente razzista, dove la distorsione e le menzogne continuano a fare da padrone e non importa se non rappresentano la realtà (tant’è che accogliere meno di 1.300 rifugiati per un paese con 10 milioni di abitanti, come prevedrebbe il piano della Commissione, non è propriamente un disegno impossibile).

La ritrovata collaborazione col vicino polacco, poi, gli ha permesso di alzare ancora di più la voce di fronte alle istituzioni europee: più di una volta richiamato all’ordine da Bruxelles (con scambi che sono diventati sempre più velenosi, come la frase del Ministro degli esteri lussemburghese che chiedeva l’espulsione dell’Ungheria dall’UE), ora Orbán non è più un lupo solitario, e con Kaczyński, uomo forte a Varsavia, ha trovato un’intesa che punta allo scontro frontale con la Commissione europea, proprio a partire dalle politiche migratorie. Non solo: la Brexit ha dimostrato che il percorso verso l’integrazione non è a senso unico, anzi l’Europa può prendere un altro verso: proprio per questo, prima del vertice di Bratislava del 16 settembre scorso, il primo ministro ungherese, facendosi portavoce del Gruppo di Visegrád, chiedeva una revisione dei trattati dell’Unione, verso un’ “Europa dei popoli”, dove gli Stati nazionali si riapproprino di prerogative che oggi possiede la Commissione.

Insomma, il 2 ottobre prossimo è molto probabile che giunga da Budapest un ennesimo colpo basso all’Unione europea, che andrà a minare la credibilità e la legittimità della Commissione. Un colpo su una questione attualissima, ma per cui le istituzioni comunitarie sono sembrate davvero paralizzate nell’intervenire efficacemente. Un colpo, ancora, che andrà a fomentare maggiormente le fila di quegli, ormai tanti, che ritengono che da questa Europa non possa provenire nulla di buono. Mai come oggi manca invece una leadership europea, manca una visione di insieme, un progetto sul lungo periodo, che invece di diventare ostaggio di un referendum basato su di una campagna xenofoba, sulla paura e sulle falsità, possa invece proporre delle politiche costruttive e pragmatiche, dei valori positivi e concreti, azzarderei a dire solidali e giusti; che possa guardare al futuro e non al passato, che possa rigettare il terrore e abbracciare la speranza.

Riccardo Roba

Il sistema sanitario europeo: la condizione degli immigrati clandestini

Valori quali il rispetto dei diritti e della dignità umana e del principio di uguaglianza sono alla base dell’Unione Europea. Ma una breve analisi mostra come il sistema sanitario pensato per aiutare gli immigrati clandestini non si integri con questi concetti.

L’immigrazione clandestina è un tema molto caldo in questi giorni. Ogni giorno i confini dell’Unione Europea sono attraversati da una moltitudine di immigrati, spesso clandestini, che richiedono assistenza sanitaria. Ma il sistema sanitario europeo è in grado di far fronte a questa emergenza?

Gli immigrati clandestini sono uno dei gruppi sociali maggiormente esposti ai problemi di salute. Lo status giuridico di “irregolari” e la evidente mancanza di risorse economiche sono le ragioni principali che non consentono loro di godere degli stessi diritti e privilegi di un comune cittadino.

L’accesso ai sistemi di assistenza sanitaria degli Stati in cui si recano è infatti solo parziale. Le prestazioni di cui possono usufruire sono in genere limitate all’assistenza medica in situazioni di manifesto pericolo per la propria vita.

Per effetto delle enormi privazioni a cui sono sottoposti durante le traversate, questi individui sono esposti a molti rischi per la propria salute tra cui emergono malattie epidemiche, l’insorgere di difficoltà legate agli stati di gravidanza, malattie dei bambini e problemi psicologici. Risultano inoltre maggiormente vulnerabili all’HIV e all’AIDS.

All’interno dell’UE, alcuni Paesi hanno creato dei sistemi che cercano di affrontare la questione. A questo proposito, il Governo Italiano ha istituito uno schema in cui ai cittadini stranieri presenti illegalmente in Italia viene assegnato un codice di identificazione, denominato STP (Straniero Temporaneamente Presente), valido per 6 mesi e rinnovabile. Il suo possesso comporta alcuni benefici tra i quali la parziale esenzione del ticket in caso di impossibilità a pagarlo. Oltre a ciò, la firma di una “dichiarazione di indigenza”, valida anch’essa per sei mesi, li esenta dal pagamento di qualsiasi importo e rende loro possibile la fruizione di servizi che includano la gravidanza, l’assistenza sanitaria di base o la cura di condizioni invalidanti.

Aide Médicale État è, invece, il programma messo a punto dallo Stato francese. Anch’esso mira a fornire agli immigrati irregolari servizi sanitari gratuiti.

Come è ormai ben noto, Paesi come l’Italia non sono altro che luoghi di passaggio verso mete più ambite come Svezia e Danimarca.

Purtroppo proprio in questi ultimi paesi le condizioni garantite agli immigrati clandestini sono meno favorevoli. In Svezia, ad esempio, dispongono di una copertura sanitaria molto limitata. Solo dal luglio 2013, gli immigrati sprovvisti di documenti hanno diritto a ricevere dei sussidi per affrontare alcune cure mediche, e soltanto i minori hanno gli stessi diritti dei cittadini svedesi.

In Danimarca la situazione è anche peggiore. Richiedenti asilo e stranieri senza legale residenza, sebbene esista un Servizio Immigrazione Danese che garantisce trattamenti di emergenza ai clandestini adulti, non sono coperti dal sistema sanitario nazionale. Fanno eccezione i minori che, come nel caso svedese, hanno diritto alla copertura sanitaria.

Questa breve analisi mette in luce la mancanza di una strategia politica comune sulla questione, il che causa notevoli difficoltà nella gestione del fenomeno migratorio nonché consistenti violazioni dei diritti degli immigrati. LArticolo 35 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea lascia l’istituzione di norme per l’accesso alle cure sanitarie nelle mani dei legislatori nazionali.

Il suddetto articolo afferma a tal proposito afferma che “ognuno ha il diritto di accedere alla prevenzione sanitaria e il diritto di ottenere cure mediche alle condizioni stabilite dalle legislazioni e prassi nazionali. Un livello elevato di protezione della salute umana deve essere garantito nella definizione e nell’attuazione di tutte le politiche e attività dell’Unione”.

La frammentazione dell’attuale sistema non è coerente con i principi e i valori che sostengono le istituzioni dell’Unione Europea. Espressioni quali “rispetto della dignità umana e dei diritti umani”, “rispetto del principio di uguaglianza”, rappresentano i concetti fondamentali su cui si regge l’Unione Europea. Tali idee, tuttavia, rischiano di perdere la loro integrità quando si scontrano con una mentalità chiusa unita ad interessi politici e finanziari contrastanti.

Il tema sanitario, in particolare in relazione ai migranti clandestini, ben rappresenta le criticità della più ampia questione immigrazione. Per questa ragione, ed in quanto proiezione dei diritti umani e del principio di uguaglianza, dovrebbe ricevere priorità assoluta ed univoca risposta.

Pietro Dionisio