The Chinese Penetration in the African Continent: the Issue of Land-Grabbing

by Lucrezia Conti 

China has a population of more than 1,3 billion[1] and a density of 146 people per square kilometer[2]; it owns only 8% of global farmland, 6% of annual water reserves[3] and it is highly dependent on energy imports both of oil and natural gas. The urgency of finding solutions to agricultural and energy security is evident and it has been worsened by the 2008 financial crisis, with a suddenly increase of prices and domestic demand for agricultural commodities. These reasons have pushed China to search for new lands and opportunities in foreign resource-rich countries and Africa has been identified as the most profitable and convenient one. By the way, this relationship is not as recent as one may believe, in fact Sino-African relations can be first dated in the 1950s-1960s. This first Chinese approach was put in practice for political purposes, in order to find allies in Third World’s countries and to come out from its political isolation, supporting African national liberation movements and the emerging socialist governments.[4] In the 1970s economic agreements were stipulated and after a consecutive slowdown, in October 2000 China and Africa launched the first Forum for China-Africa Cooperation, carried out in Beijing.[5] The aim of this forum was to define common political objectives, development purposes and to strengthen trade relations and investments.[6]In this perspective, China eliminated 31 African countries’ debts, for a total amount of $1,3 billion and abolished import taxes of 190 items.[7] Thanks to these actions, China has become the second world commercial partner of African countries, increasing its commercial exchanges from $20 billion in 2003 up to more than $200 billion in 2014, with an annual growth rate of 16%.[8] The achievement of these results is also linked to a particular way through which China conducts its foreign investments policy: the so-called “Beijing consensus”, in contrast with the Western countries “Washington consensus”. The Beijing consensus is essentially based on a policy of non-interference in African countries internal affairs and on the promotion of the sovereign integrity of these states, while the Washington one, is based on the priorities of the World Bank and International Monetary Fund, and it imposes restrictions in terms of public spending, commitment on transparency and macro-economic policy making.[9] Moreover, China offers long-term investments that are really flexible and accommodating to African countries requests, without provisions and conditions. The only restriction imposed by China is the non-recognition of Taiwan.[10] It is easy to understand why African states prefer to marry the Chinese alternative.

Having a precise evaluation of Chinese investments in African lands is generally difficult. The Chinese government does not publish data of sector-based investments, it uses different terminology to classify them and the few published are not completely reliable. Furthermore, there are contradictions between investment flows and the amount of goods and services that contribute to the formation of capital stock[11], causing a lack of transparency that may create doubts on the way through which this policy is implemented and, consequently, on its honesty. These investments are commonly implemented as Foreign Direct Investments (FDIs), or Overseas Direct Investments (ODIs) according to the Chinese statistic denomination, and just in the African continent, over the period 1998-2012, they include about 2000 Chinese firms investing in 49 countries.[12] An important role in this field is covered by the China Development Bank[13] with its China-Africa Development Fund (CAD Fund) and the Export-Import Bank of China[14]. They promote trade and development projects, and support firms and contractors in Africa, through incentives such as tax breaks, credit, low-interest loans and customs preferences. Simultaneously, the Chinese government puts in practice a strong diplomatic effort, for example with periodic diplomatic official visits, in order to guarantee successful outcomes. Referring to the lacking available information, there are two main sectors that seem to receive priority: the energy sector and the infrastructure one. Conforming to an American analysis, the energy field, in particular oil extraction, has been the main beneficiary of investments, with more than 90% of total flows coming from state firms, with the objective of creating joint ventures with African energy companies and multinational corporations.[15] These investment flows are focused on a small number of companies and resource-rich countries such as Angola and Sudan, where at the same time the presence of USA and the European Union is completely absent.[16] On the other hand, the infrastructure sector represents another important field of investments, which shift from $500 million in 2001 up to $14 billion in 2011, used mostly to build powers plants, road networks, health facilities, potentially people-living towns and telecommunication services.[17] Infrastructures are crucial and important investment for China, because they permit to introduce Chinese companies and workers on African soil and to obtain those natural resources able to satisfy Chinese national food and energy requirements. However, China investments are addressed to a great number of “intention of investments”, as Land Matrix calls them; and in fact, according to its database, China invests also in agriculture, industry and tourism.[18]

Despite the Chinese penetration seems to be received by African countries in a favorable and convenient perspective, at the international level it has produced, particularly in US and Europe, a large debate regarding the way of its implementation and the possible consequences for the African continent. It is possible to detect three different interpretations of this Sino-African framework. The first interpretation describes China as a great partner for African countries, it sees Chinese investments as long-term ones and believes in its commitment.[19] Thanks to China, African markets are stimulated and, at the same time, African countries are helped in searching new ways of developing, using also Chinese infrastructures and technologies.[20] This interpretation presents the issue as a win-win situation, where both Africa and China can obtain benefits from their cooperation. The second one instead, believes that investments are only short-term ones and that the Chinese mere objective is to exploit, as fast as it can, African natural and energy resources. The situation in this case, presents a predominant role of China, which could be able to overpower both Western countries and the emerging African ones.[21] The third and last interpretation is the most pessimistic. In fact, it describes the Chinese presence in Africa as a new form of colonization, focused on the gradual control of the African political elites and on the introduction of a new development system going to the detriment of that proposed by Western countries.[22] This assertion appears controversial. On one hand, if we look at the Chinese Constitution, we find that it takes position against colonialism, seen as a threat to stability, but on the other hand, its asymmetrical relations with Africa, its lack of transparency, its investment target and its promotion of emigration policies, gives appeal to this perception.[23] From the social point of view, fears are linked to the possible destabilization of these countries, as said in the previous paragraph. If it is true that the Chinese government looks like the most appropriate to deal with African ones,  because of their usually equivalences in terms of political system, the unlimited availability of China to finance anyone who recognizes the “One-China policy”, could create internal struggles for power, further damaging the already unstable political contexts.

 

 

References:

[1] Source Indexmundi, online: http://www.indexmundi.com/china/population.html.

[2] Source World Bank, online: http://data.worldbank.org/indicator/EN.POP.DNST.

[3] P. Kersting, op.ult.cit.

[4] A. Gallia, “Ruolo della Cina in Africa, tra interessi economico-politici, sfruttamento delle risorse naturali e conflitti sociali”, Conferenza di Studi Africanistici, 30 Settembre-2 Ottobre 2010, Napoli.

[5] Ibidem.

[6] A. Richiello, “Perché alla Cina interessa l’Africa”, Rivista Limes Online, 27 Febbraio 2015, online: www.limesonline.com/perche-alla-cina-interessa-lafrica-1/76224.

[7] A. Gallia, op-ult.cit.

[8] A. Richiello, op.ult.cit.

[9] A. Gallia, op.ult.cit.

[10] Ibidem.

[11] A. Richiello, op.utl.cit.

[12] D. Dollar, H. Tang, W. Chen, “China’s direct investment in Africa: Reality versus myth”, Brookings, 3 September 2015, online: https://www.brookings.edu/blog/africa-in-focus/2015/09/03/chinas-direct-investment-in-africa-reality-versus-myth/.

[13] More information on China Development Bank website, online: http://english.eximbank.gov.cn/en/.

[14] More information on Export-Import Bank of China website, online: http://english.eximbank.gov.cn/en/.

[15] A. Richiello, op.ult.cit.

[16] D. Cellamare and N. Baheli, “La penetrazione cinese in Africa”, Istituto di Studi Politici “San Pio V”, Roma.

[17] A. Richiello, op.ult.cit.

[18] Source Land Matrix, online: www.landmatrix.org/en/get-the-detail/by-investor-country/.

[19] A. Gallia, op.ult.cit.

[20] D. Cellamare and N. Bahel, op.ult.cit.

[21] A. Gallia, op.ult.cit.

[22] Ibidem.

[23] Ibidem.

A liar and a clown: gli Stati Uniti alla vigilia delle elezioni

Dopo circa undici mesi di accesa campagna elettorale, ci troviamo alla vigilia delle elezioni statunitensi con un serrato testa a testa tra “a liar and a clown”, come sostengono numerosi elettori americani afferenti ai diversi partiti.

Se guardiamo indietro nel tempo possiamo vedere come questa campagna sia stata particolarmente incerta, combattuta e senza esclusione di colpi. Innanzitutto occorre sottolineare quanto questi due protagonisti siano soggetti atipici: da una parte vi è infatti un candidato che ha appena compiuto settant’anni e che una volta eletto diventerebbe il Presidente più anziano nella storia degli Stati Uniti. Prima di lui infatti figurano solo Ronald Reagan, eletto all’età di sessantanove anni e George H. W. Bush che ottenne il mandato a sessantacinque. Dall’altra parte invece, si paventa per la prima volta in assoluto la possibilità di un Presidente americano donna, nonché moglie dell’ex Presidente Bill Clinton, in carica dal 1993 al 2001.

Anche Barack Obama, il quale terminerà gli otto anni di permanenza alla Casa Bianca il prossimo gennaio, ha rappresentato una novità nella storia americana essendo il primo afroamericano alla guida degli Stati Uniti, e da questo ha tratto un enorme vantaggio per quanto riguarda in particolar modo la politica interna.

A differenza tuttavia delle precedenti elezioni in cui, con il sopraggiungere del fatidico “primo martedì successivo al primo lunedì di novembre”, era già possibile intravedere il risultato finale o averne perlomeno un’idea, quest’anno si presenterà alle urne un elettorato alquanto incerto e indeciso. Questo è infatti scosso in particolar modo dagli avvenimenti, dichiarazioni e rivelazioni che si sono susseguite a partire dalle convention di luglio, le quali hanno delineato ufficialmente il volto del candidato democratico e di quello repubblicano.

In questi ultimi mesi abbiamo infatti assistito da parte di Donald Trump a commenti sessisti e razzisti,  in particolar modo questi ultimi, proprio con l’avvicinarsi del voto, hanno portato al risveglio della comunità ispanica contro di lui. Proseguendo poi con la mancata presentazione della dichiarazione dei redditi, lo scandalo riguardante abusi sessuali su diverse donne, fino a giungere all’ultima rivelazione secondo cui la moglie del tycoon, Melania, di origini slovene, abbia esercitato la propria professione di modella numerose volte prima di ottenere un regolare permesso di lavoro.

Dall’altra parte la candidata democratica Hillary Clinton non è stata da meno in questi mesi precedenti al voto. In primo luogo troviamo lo scandalo Lewinsky o il sexgate del marito Bill molto spesso usato da Trump contro la candidata; in secondo luogo vi sono le accuse di boicottaggio della campagna del candidato democratico Bernie Sanders e l’invio di email contenenti informazioni top secret da un server privato, quest’ultima in particolare è stata presa a carico dall’FBI. Il caso è stato chiuso a luglio in quanto non sono state trovate mail effettivamente compromettenti,  e dopo la riapertura dello stesso la settimana scorsa alla luce di nuove prove, il direttore del Federal Bureau Investigation James Comey ha dichiarato giusto un paio di giorni fa che le conclusioni sull’indagine delle mail non cambia rispetto a luglio. A questo vanno inoltre aggiunte le condizioni di salute della candidata, la quale ha sempre rassicurato i suoi sostenitori di essere perfettamente in salute nonostante uno svenimento durante la commemorazione per i quindici anni dall’attacco alle Twin Towers.

Fondati o meno che siano, tutte queste rivelazioni condizionano fortemente gli elettori e il loro susseguirsi ha fatto si che entrambi i candidati avessero un indice di gradimento altalenante durante tutta la campagna.

Domani, martedì 8 novembre, gli americani si recheranno alle urne e lo scrutinio dei voti avverrà nella notte di martedì. Mercoledì mattina otterremo il nome del candidato che ha riscosso il maggior numero di voti, ma non dell’effettivo Presidente. Domani, infatti, i cittadini americani voteranno indirettamente per uno dei due candidati e la loro scelta servirà a delineare i grandi elettori. Il candidato che vince in uno stato, ottiene l’intero numero di grandi elettori di quello stato afferenti al proprio partito, e saranno poi questi grandi elettori ad eleggere definitivamente il successore di Obama il 12 dicembre, ossia “il primo lunedì dopo il secondo mercoledì di dicembre”.

Come appena detto, l’8 novembre gli americani saranno chiamati a partecipare alle elezioni, tuttavia molti cittadini, ad oggi, hanno già votato, in quanto, a partire da settembre in numerosi stati vi è la possibilità del voto anticipato. Nonostante ciò lo scrutinio avverrà per tutte le schede lo stesso giorno, mentre lo spoglio dei voti dei grandi elettori verrà effettuato al senato 15 giorni dopo il 12 dicembre, solo a quel punto uno dei due candidati otterrà ufficialmente la nomina. L’intero processo si concluderà il 20 gennaio con l’insediamento del nuovo Presidente degli Stati Uniti d’America alla Casa Bianca.

Valeria Conti

Stati Uniti: i profili dei candidati repubblicani

Donald Trump

Donald John Trump è nato il 14 giugno 1946 nel Queens, New York, da una famiglia facoltosa. La madre, Mary Anne Trump, è di origini scozzesi, mentre il padre, Frederik Christ Trump, importante imprenditore immobiliare, proviene da una famiglia di immigrati tedeschi, divenuti cittadini statunitensi nel 1982. A causa di problemi comportamentali, a tredici anni Donald Trump abbandona la scuola e viene iscritto dai genitori alla New York Military Accademy, dove ottiene diversi riconoscimenti. In seguito frequenta la Wharton School of Business all’Università della Pennsylvania, iniziando allo stesso tempo a lavorare nella compagnia del padre, Elisabeth Trump & Son.

La sua carriera da imprenditore immobiliare inizia nel 1962, quando da vita al progetto per un complesso di appartamenti in Ohio, ma sarà poi trasferendosi a Manhattan qualche anno più tardi che verrà coinvolto in progetti sempre più importanti. Trump diventa per la prima volta noto all’opinione pubblica nel 1973, quando lui e il padre vengono accusati dal Dipartimento di Giustizia di aver violato il Fair Housing Act, atto federale intento a proteggere acquirenti e affittuari da discriminazioni da parte dei proprietari, a causa della divulgazione di falsi annunci riportanti la scritta “No vacancy” o l’imposizione di affitti più elevati nei confronti di soggetti appartenenti a determinate minoranze razziali.

Intorno al 1988, in seguito ad un cattivo investimento nel Taj Mahal Casinò ad Atlantic City, New Jersey, e a successivi casi di bancarotta, Donald Trump si trova di fronte a gravi problemi finanziari, i quali vengono superati verso l’inizio degli anni Duemila grazie al cospicuo lascito del padre Frederik, il quale morì nel 1999. In questo periodo infatti, il nuovo magnate immobiliare newyorkese inizia ad investire nei Paesi arabi, diventando comproprietario di alcuni complessi alberghieri negli Emirati Arabi Uniti. E’ questo il momento in cui Trump inizia ad aprirsi verso nuovi settori quali l’energia, diventando il più importante testimonial della multinazionale delle telecomunicazioni e dell’energia ACN Inc, e la televisione; per quanto riguarda quest’ultima in particolare, egli finanzia la “World Wrestling Entertainment” (WWE) per diversi anni, prendendo anche parte a diversi eventi, e promuove la realizzazione di un nuovo reality show di cui fu protagonista, “The Apprentice”.

Fino a quel momento Donald Trump non si era mai dimostrato particolarmente attivo in politica, ma nel 2008, durante una sua partecipazione al “Larry King Live”, ufficializza il suo appoggio al Senatore John McCain, candidato alle presidenziali dello stesso anno e poi battuto da Barack Obama. Durante la campagna del 2008 e quella di ri-elezione del 2012, si pensa che Trump sia stato uno dei maggiori esponenti del Movimento “Birther”, gruppo che sosteneva il Presidente Obama non fosse nato sul suolo statunitense, e dunque, sotto l’articolo 2 della Costituzione degli Stati Uniti, sarebbe stato considerato ineleggibile.

Il 16 giugno del 2015, dalla Trump Tower nella V Strada di Manhattan, Donald John Trump annuncia formalmente la sua candidatura alle elezioni presidenziali del 2016, tramite le seguenti parole:

Ladies and Gentlemen, I am officially running for President of the United States, and we are going to make our coutry great again”

Durante il suo discorso, il futuro candidato repubblicano tocca già tutti i punti chiave della sua campagna, che sono i seguenti:

  • Lotta all’immigrazione: è nelle intenzioni di Trump, oltre alla riforma in senso più stringente delle norme che regolano l’introduzione di stranieri nel Paese, la costruzione di un muro al confine meridionale tra Stati Uniti e Messico e, secondo il suo progetto, dovrà essere proprio il Messico a pagare per la sua costruzione.

  • Riforma dell’assistenza sanitaria: la sanità statunitense dovrà seguire i principi del libero mercato ma allo stesso tempo dovrà essere più accessibile e migliorare la qualità delle cure a disposizione dei cittadini.

  • Rapporto commerciale Usa – Cina: Trump vuole portare la Cina al tavolo delle trattative dichiarandola un “manipolatore di valuta”, vuole proteggere gli investimenti americani costringendo la Cina a rispettare le leggi sulla proprietà intellettuale, e vuole, infine, rilanciare la produzione americana mettendo fine alle sovvenzioni alle esportazioni illegali della Cina.

  • Secondo emendamento sul possesso di armi: è intenzione del candidato repubblicano rinforzare le leggi che permettono il possesso di armi e difendere i diritti dei legali possessori.

All’inizio della sua campagna, Donald Trump non veniva considerato un reale sfidante per la nomina di candidato repubblicano alle elezioni presidenziali. Tuttavia, fin dai primi appuntamenti in Iowa, New Hampshire e South Carolina, il magnate newyorkese ha riscosso un notevole successo, nonostante i candidati del Partito fossero ben nove. In seguito ad una sua ulteriore vittoria in Indiana il 3 maggio anche l’ultimo sfidante, Ted Cruz, ha abbandonato la corsa che porterà alla Convention Repubblicana, che si terrà dal 18 al 21 luglio a Cleveland, Ohio, cedendo “sulla carta” la carica di candito del Partito repubblicano alla Presidenza degli Stati Uniti d’America a Donald John Trump.

Valeria Conti

Stati Uniti: i profili dei candidati democratici

Hillary Clinton

Hillary Rodham Clinton, nata nel 1946 a Chicago, Illinois, cresciuta in una famiglia conservatrice, matura le sue prime esperienze in campo politico lavorando come volontaria per il candidato repubblicano Barry Goldwater durante la campagna presidenziale del 1964; sarà poi negli anni successivi, frequentando l’Università di Legge di Yale, che diventerà sempre più attiva politicamente. In questi anni, infatti, i suoi interessi si concentrano sempre di più sui diritti della famiglia e dei bambini, passione che la porta, terminata l’università, a lavorare per il Children’s Defence Fund, associazione nata dai Movimenti per i Diritti civili, con l’intento di portare il Governo statunitense a migliorare le proprie politiche nei confronti dei bambini.

Hillary continua a ad interessarsi agli stessi temi negli anni successivi in qualità, prima, di First Lady dell’Arkansas, poi, di First Lady degli Stati Uniti d’America in seguito all’elezione del marito Bill Clinton alla Casa Bianca nel 1992. Soprattutto in questi anni, si focalizza su una vastità di altri temi, compreso quello dall’assistenza sanitaria, avendo ricevuto dal Presidente l’incarico di presiedere la task force sulla National Health Care Reform nel 1993.

La sua carriera diplomatica ottiene un ulteriore slancio nel 2000 quando viene eletta al Senato tra le fila del Partito Democratico. Pronunciato il giuramento il 3 gennaio 2001, il senatore Clinton prosegue continua a lavorare per la riforma sanitaria, e rimane concentrata su temi sociali, quali i diritti dei bambini. Durante questi anni presta servizio presso diverse commissioni senatoriali, tra le quali il Comitato per i Servizi Armati. In seguito agli attentati dell’11 settembre 2001, è stata una grande sostenitrice dell’invasione dell’Afghanistan guidata dagli Stati Uniti, nonostante fosse cresciuto, successivamente, il suo criticismo verso la gestione della guerra in Iraq da parte dell’allora Presidente George W. Bush.

L’anno successivo Hillary ha annunciato che si sarebbe candidata alla nomination presidenziale del Partito Democratico per il 2008. La sua è stata una campagna altalenante, con dure sconfitte in un primo momento, seguite dalla vincita di stati importanti come la California, Massachusetts e New York, ma nonostante questo, non è riuscita a guadagnare un vantaggio su Barack Obama per quanto riguarda il numero di delegati congressuali. Obama, infatti, ha vinto 11 stati consecutivi in seguito al Super Tuesday del 5 febbraio, e ciò gli ha permesso di diventare il nuovo favorito per la nomination. In seguito, la grande sconfitta nella Carolina del Nord ai primi di maggio, ha inciso gravemente sulla possibilità di Hillary di guadagnare delegati sufficienti a superare il suo sfidante prima delle primarie finali nel mese di giugno. Quest’ultimo, infatti, il 27 agosto, si è assicurato ufficialmente la nomina del partito presso la Convention nazionale democratica a Denver, vincendo successivamente le elezioni presidenziali del 4 novembre del 2008.

Nello stesso anno, Obama investe Hillary del ruolo di Segretario di Stato, venendo poi confermata dal Senato nel gennaio 2009. Durante il suo mandato, la Clinton si concentra in particolar modo sul miglioramento delle relazioni estere degli Stati Uniti. Si dimette dal suo incarico nel 2013 e viene sostituita dall’ex senatore del Massachusetts, John Kerry.

Nell’aprile del 2015 Hillary Rodham Clinton annuncia di voler concorrere alle elezioni presidenziali degli Stati Uniti del 2016, diventando subito la favorita per la nomination democratica. Tuttavia, durante la sua campagna affronta una sfida inaspettata, il candidato Bernie Sanders, senatore del Vermont, il quale si è auto-definito un “socialista democratico“. La Clinton, ha inizialmente faticato a contrastare le politiche populiste di Sanders, criticando i suoi piani e sostenendoli irrealistici. Hillary, d’altro canto, sponsorizza durante la sua campagna i tradizionali obiettivi democratici, in particolare:

  • Tasse e salari: aumento delle tasse per cittadini ad alto reddito ricchi; concessione di sgravi fiscali per le famiglie lavoratrici; creazione di posti di lavoro ben retribuiti tramite l’investimento sulle infrastrutture; aumento del salario minimo.

  • Riforma dell’immigrazione: varo di una pratica riforma sull’immigrazione che possa creare un percorso chiaro verso l’ottenimento della cittadinanza; chiusura dei centri di detenzione privati per gli immigrati.

  • Politica estera: difesa dei valori fondamentali americani; sconfitta dell’ISIS, del terrorismo globale e delle ideologie che lo guidano; rafforzamento delle attuali alleanze politiche e creazione di nuove relazioni al fine di affrontare insieme sfide comuni, quali il cambiamento climatico, le minacce informatiche e le malattie altamente contagiose.

Rimangono comunque persistenti i temi sociali sostenuti dalla Clinton nei precedenti anni della sua carriera politica:

  • Educazione infantile: investire in programmi di prima infanzia; assicurarsi che ogni bambino dai quattro anni in su abbia libero accesso ad una scuola materna di alta qualità; fornire assistenza medica ai bambini.
  • Assistenza sanitaria: difendere l’Affordable Care Act; controllare l’aumento dei prezzi dei farmaci su prescrizione e ritenerne legalmente responsabili le case farmaceutiche; tutelare l’acceso delle donne all’assistenza sanitaria riproduttiva, compresa la contraccezione e l’aborto legale.

Attualmente Hillary possiede i voti di 1.941 delegati, inclusi quelli dell’ultima vittoria alle primarie di New York tenutesi il 19 aprile, mentre lo sfidante Sanders è a quota 1.191. Mancano ancora venti appuntamenti prima di giungere alla Convention democratica che avrà luogo tra il 25 e il 28 luglio.

Valeria Conti